"La musica dell'Istria" al Perché, da Tartini, a Endrigo, a Ughi. Ospiti Squarcia e Pamich. Poi la cena con Anna Maria Pellegrino

Da Uto Ughi a Sergio Endrigo: e chi non li conosce? Ma anche da Giuseppe Tartini ad Antonio Smareglia. Passando dalla “bitinada” dei pescatori di Rovigno, ai tanti festival di musica popolare che ancora oggi esprimono arte e vitalità. E se, per sfizio, ci si spinge ancora più in là con la storia, l’Istria come “terra della musica” stupisce ancora di più: era di Montona quell’Andrea Antico che nel Cinquecento, oltre a distinguersi come compositore, rivoluzionò l’editoria musicale, incidendo su una matrice di legno la pagina di musica che poi avrebbe impresso su carta.

“La musica dell’Istria”, evento che si terrà sabato 4 maggio (con inizio alle 17) al ristorante “Perché” di Roncade (Treviso), sarà il seguito di una serie di fortunati incontri culturali ed enogastronomici che il locale insieme alla ANVGD del Veneto organizza da qualche anno per far conoscere meglio la storia e l’identità culturale dell’Istria, di Fiume e della Dalmazia.

“La musica dell’Istria” è un titolo che evoca i tanti suoni musicali, dal paesaggio alle bellezze artistiche, che poeticamente connotano queste terre d’Oltreconfine, dal lungo passato condiviso con la nostra sponda dell’Adriatico. Cultura comune da riscoprire, dunque. E la musica è un ambito privilegiato per dare sostanza a questo proposito. Con tante figure da riscoprire: Uto Ughi è di famiglia piranese; Wilma Goich è di origini zaratine. Piero Soffici, grande autore di musica leggera negli anni ’60 (sua anche “Perdono” di Caterina Caselli), nacque a Rovigno. E poi ci sono tanti protagonisti di musica popolare, come il maestro Luigi Donorà, esule di Dignano d’Istria.

Sarà un vero e proprio “viaggio sentimentale” quello che il “Perché” ospiterà il 4 maggio prossimo, con i giornalisti Renato Malaman e Martina Vocci che, dopo la doverosa introduzione di Italia Giacca, coordinatrice ANVGD del Veneto e ispiratrice del tema, cercheranno di accompagnare il pubblico in una passeggiata nella storia e nel presente. Un viaggio in sospeso fra il passato e i giorni nostri che avrà come guida anche Francesco Squarcia (nella foto), artista fiumano residente a Roma, strumentista di valore che per 35 anni ha fatto parte della prestigiosa Orchestra Sinfonica dell’Accademia Nazionale Santa Cecilia di Roma. Squarcia ha svolto anche un’intensa attività come solista alla viola ed è pure cantautore. Molte delle sue canzoni sono ispirate a Fiume e alle terre adriatiche. Si è esibito anche in Slovenia e Croazia (pure nelle tv nazionali), a conferma che, come lui sostiene sempre, la musica abbatte ogni condine. Sarà lui ad intervallare il racconto con la sua musica.

Ospite d’onore della serata Abdon Pamich (un ritorno il suo al “Perché”), leggenda della marcia azzurra, campione olimpico nel 1964 a Tokyo e 40 volte campione italiano. A 90 anni suonati, Pamich, esule fiumano, sarà protagonista di un siparietto a sorpresa con l’amico Squarcia, nell’insolita veste di autore del testo di una canzone dedicata a Fiume che Squarcia ha musicato.

Dopo il viaggio nella musica, la serata vivrà l’altro atteso momento: la cena tipica istriana (anche con vini istriani) proposta da Anna Maria Pellegrino, studiosa della cucina e volto familiare della trasmissione “Geo” su Rai3. Cena preparata a quattro mani con Luca Boldrin, cuoco del “Perché”. Si può partecipare anche soltanto all’incontro, previa prenotazione del posto.

Le prenotazioni alla cena (costo 42 euro) vanno fatte telefonando al ristorante “Perché”: tel. 0422 849015. L’artistica locandina che annuncia l’evento è opera di Giulia Faggin.

0 Commenti

Lascia un commento

Acconsento al Trattamento dei miei dati Personali nel rispetto del reg. 2016/679/UE e dichiaro di avere letto l'informativa sulla Privacy

RENATO MALAMAN

Collabora con Rai Radio Uno, come esperto di turismo nella trasmissione "Tra poco in edicola", e con il "Corriere del Ticino". Cura il blog "Salsa & Merende" nel quotidiano "Il Mattino di Padova" di cui è stato redattore fino al 31 dicembre 2016. Del quotidiano, con cui ha iniziato a collaborare nel 1978, è stato titolare dal 2001 della rubrica di enogastronomia "Gusto", ora confluita nel blog personale (su www.mattinopadova.it) dedicato all'attualità del Food and Wine veneto e non solo. E' titolare della rubrica di viaggi del mensile "La Piazza" (23 edizioni nel Veneto) dal 1996 e della pagina "La recensione" sul magazine "Con i piedi per terra". Collabora con "Voyager".
Coautore di numerose pubblicazioni nel settore enogastronomico e collaboratore di varie riviste, dal 2004 è ispettore della guida "Ristoranti d'Italia" de L'Espresso. Ha curato la guida "Padova nel piatto". E' coautore dei volumi "L'osteria di Padova" e "I Colli ritrovati", quest'ultimo sui 50 anni della legge 1097/71 che salvò i Colli Euganei dalle cave.
Tra i riconoscimenti ottenuti spicca l'assegnazione di due premi "Penna d'Oca" (edizioni 2005 e 2011), premio biennale promosso da Unioncamere del Veneto, più un premio dell'Assostampa Padovana nel 2012 per reportage in 10 puntate su "Alluvione, un anno dopo". Per quanto riguarda il turismo ha visitato finora 124 paesi del mondo. Fa parte dell'ITP, associazione di giornalisti della stampa turistica. Ha al suo attivo anche una spedizione umanitaria via terra in Guinea Bissau e il viaggio con auto elettriche Tesla Padova-Belgrado lungo i luoghi di Nikola Tesla.

Acconsento al Trattamento dei miei dati Personali nel rispetto del reg. 2016/679/UE e dichiaro di avere letto l'informativa sulla Privacy
Accetto di ricevere informazioni in merito a promozioni, news ed eventi relativi a questo sito in conformità al nuovo reg. 2016/679/UE sulla Privacy.