VISTI DA VICINO - VINCENZO E DANIELA NASCHI DEL RELAIS BORGO CAMPELLO

Relais Borgo Campello, struttura diffusa all’interno del borgo medioevale di Campello Alto (Pg), composto dal Castello e dal Convento dove si coniugano perfettamente il buon riposo, la natura e la magia dell’antichità, è opera di Vincenzo e Daniela Naschi.

Romani, Daniela restauratrice e Vincenzo ingegnere con un master alla Bocconi ed esperienze manageriali nel settore turistico finanzioìario, hanno dato vita al recupero del borgo, ridotto dopo il terremoto del 1997 ad un blocco di ruderi.

Per la nostra rubrica 'Visti da vicino' siamo andati a trovarli nel loro 'sancta sanctorum' situato su una collina a pochi chilometri da Spoleto e dalle Fonti del Clitunno.

Vincenzo, come nasce il Relais Borgo Campello?
«Potrei dire per pura casualità, ma anche per amore di questo luogo. Sia io che Daniela venivamo giovanissimi da Roma a fare le colonie estive nel nel vicino convento dei padri Barnabiti. Poi con il passare degli anni tornavamo sempre in vacanza in questo borgo che emana un fascino particolare, finchè nel 1996 decidemmo di acquistare qui il nostro primo immobile. Sempre più invaghito delle potenzialità di questo luogo cominciammo a comprarne altri fino alla nascita del Relais Borgo Campello, un albergo diffuso composto dal Castello e dal Convento».

Daniela, quali sono le caratteristiche del vostro Relais?
«La nostra location offre un'ospitalità particolare al cosiddetto turismo esperienziale. Un'offerta al di fuori dai percorsi più conosciuti per vivere un’esperienza autentica di bellezza, enogastronomia e ricreazione a contatto anche con i dieci residenti ancor oggi al castello o con la congregazione dei frati presenti al monastero».

Vincenzo, Appennino, Appetibile e Appetitoso è stato il claim della serie di eventi estivi da voi proposta. Perchè?
«Dall'Appennino arrivano straordinarie eccellenze gastronomiche: formaggi e salumi, vino e pasta, olio e salse… vale a dire il Gotha del mangiar bene all’italiana. Eccellenze che con la nostra Lady Chef Rosi abbiamo proposto e proponiamo anche in questo autunno ai nostri ospiti del Relais  e ai clienti esterni al fine di rivalutare 'lo scrigno' di golosità che queste montagne ci regalano».

Daniela, i piaceri della tavola, ma anche il beneserre è un must del vostro Relais?
«Gusto e benessere del corpo e della mente in un luogo senza tempo sono sempre stati tra i nostri obiettivi. A disposizione degli ospiti vi è oggi una bellissima spa con sauna  e piscina con getto d'acqua, mentre i materassi dei letti delle nostre camere, apprezzatissimi dalla nostra clientela, provengono dalla Grecia, con marchio Coco.Mat».

Vincenzo, un'ultima domanda: tu hai dato vita alla Onlus Fondazione Borgo Campello, quali sono le sue finalità?
«La Fondazione si pone come fine generale quello di tutelare, promuovere e valorizzare uno dei caratteristici borghi d'Italia, il Castello di Campello e i suoi valori fondanti: solidarietà sociale come forma di impegno etico-sociale a favore di altri e alla bellezza come principio di conoscenza e di educazione alla sensibilità dell'animo umano. Borgo Campello fu tra i primi nel Granducato di Spoleto a dotarsi degli statuti comunali per la 'convivenza pacifica'. L'originale del 1527 è andato perduto, nostro obiettivo è recupeare la copia che nell'Ottocento fu data al Papa e che dovrebbe trovarsi negli archivi Vaticani o in quelli di Stato».

www.borgocampello.com/it/

 

Claudio Zeni

Claudio Zeni, laureato in Letterature e Lingue straniere è nel mondo del giornalismo dall’età di 18 anni. Appassionato di sport, enogastronomia e turismo collabora con media locali, nazionali ed internazionali di settore. Tra i principali riconoscimenti giornalistici assegnatigli si ricorda il premio nazionale Gennaro Paone consegnatogli a Roma dal direttore generale dell’Enit, il I.o premio giornalistico nazionale ‘Strada del Vino del Recioto e di Gambellara’, il I.o premio ‘Primavera del prosecco’, 'Amici della Chianina', 'Premio Tarlati', 'Scandiano', 'Sant'Angelo in Vado, 'Apicio', 'La bisaccia del tartufaio', 'Burson'. Per quattro anni ha seguito l’Hong Kong Food Festival e per due ha coordinato la manifestazione nazionale Top of Golf finalizzata alla proclamazione del miglior ristorante della ‘Wine Tour Cup’ dell'Associazione 'Città del Vino'. Coordinatore della giuria e dei cuochi del concorso culinario ‘Tartufo d’oro’ di Gubbio’. Unitamente al Presidente dei Cuochi di Arezzo organizza il concorso 'Penne bruciate', giornalisti ai fornelli dove a vincere è il 'piatto peggiore'. Autore con Leone Cungi del libro ‘Sport e società a Monte San Savino (Un secolo di storia sportiva e tradizioni sul borgo toscano).

Acconsento al Trattamento dei miei dati Personali nel rispetto del reg. 2016/679/UE e dichiaro di avere letto l'informativa sulla Privacy
Accetto di ricevere informazioni in merito a promozioni, news ed eventi relativi a questo sito in conformità al nuovo reg. 2016/679/UE sulla Privacy.