VIAGGIO GOLOSO AD AREZZO - L'ESSENZA DARIO E ANNA

La storia del ristorante 'Essenza Dario e Anna' parte dal lontano 1964  quando Dario Scoscini e sua moglie Anna Parrini aprono un negozio di alimentari in Via Vittorio Veneto ad Arezzo, trasformato nei primi anni '80 in 'Gastronomia – Alimentari', con Anna ai fornelli e Dario impegnato al banco a servire le 'leccornie' che uscivano dalla cucina.
In quegli anni a carpire i segreti del cibo e della gastronomia è Luca, il giovane figlio di Anna e Dario.
«E' in quegli anni che nasce il mio amore per la cucina – esordisce Luca – aiutavo i miei genitori nel negozio e nel frattempo facevo tesoro degli insegnamenti culinari di mamma. Raggiunta la maggiore età approfondisco con esperienze personali e studio quanto di più concerne il mondo della ristorazione».

Diplomatosi sommelier AIS, Luca segue corsi per assaggiatori di formaggi, bartender e sala  per poi aprire in proprio un servizio di catering con il nome 'Dario e Anna Banqueting', puntando su qualità e innovazione.
Un’attività quest’ultima che va avanti fino a quando Dario, il babbo di Luca decide di andare in pensione.
A quel punto Luca e la moglie Silvia decidono di vendere l'attività di catering e prendere in 'mano'  la 'Gastronomia – Alimentari' di Via Vittorio Veneto, trasformandola, a piccoli passi, in ristorante, grazie anche alla passione trasmessa verso la cucina ai loro due figli, Matteo e Federico.
Il ristorante, ubicato nella 'Gastronomia – Alimentari' di Via Vittorio Veneto ha solo venti coperti, così nel 2019 Luca e Silvia  decidono di trasferire la loro nuova attività in Piazza Grande, sotto le famose logge del Vasari, un cornice di grande prestigio, alla quale danno il nome 'Essenza Dario e Anna'.
«E’ in questa nuova sede che uniamo alla cosiddetta cucina tradizionale un nuovo format di cucina innovativa, grazie alle nuove tecniche e  macchinari all’avanguardia, ma sempre all’insegna del prodotto di qualità – prosegue Luca – le nostre proposte culinarie partono sempre da un’eccellenza alimentare scelta da fornitori selezionati senza poi stravolgerla in cucina con inediti abbinamenti».
Arrivano così in tavola i classici Crostini neri, i Pici con taleggio crema di crusca e pepe rosa, gli Gnocchi con pesto cetarese e clorofilla di basilico, l’Hamburgher di Chianina, il Baccalà all’aretina e i deliziosi dessert.

«Una cucina che parte dal territorio ma aperta a nuovi orizzonti – conclude Luca – una cucina per soddisfare i palati degli aretini, ma anche dei turisti che presto potranno tornare a visitare la nostra città».

www.darioeanna.it

 

Claudio Zeni

Claudio Zeni, laureato in Letterature e Lingue straniere è nel mondo del giornalismo dall’età di 18 anni. Appassionato di sport, enogastronomia e turismo collabora con media locali, nazionali ed internazionali di settore. Tra i principali riconoscimenti giornalistici assegnatigli si ricorda il premio nazionale Gennaro Paone consegnatogli a Roma dal direttore generale dell’Enit, il I.o premio giornalistico nazionale ‘Strada del Vino del Recioto e di Gambellara’, il I.o premio ‘Primavera del prosecco’, 'Amici della Chianina', 'Premio Tarlati', 'Scandiano', 'Sant'Angelo in Vado, 'Apicio', 'La bisaccia del tartufaio', 'Burson'. Per quattro anni ha seguito l’Hong Kong Food Festival e per due ha coordinato la manifestazione nazionale Top of Golf finalizzata alla proclamazione del miglior ristorante della ‘Wine Tour Cup’ dell'Associazione 'Città del Vino'. Coordinatore della giuria e dei cuochi del concorso culinario ‘Tartufo d’oro’ di Gubbio’. Unitamente al Presidente dei Cuochi di Arezzo organizza il concorso 'Penne bruciate', giornalisti ai fornelli dove a vincere è il 'piatto peggiore'. Autore con Leone Cungi del libro ‘Sport e società a Monte San Savino (Un secolo di storia sportiva e tradizioni sul borgo toscano).

Acconsento al Trattamento dei miei dati Personali nel rispetto del reg. 2016/679/UE e dichiaro di avere letto l'informativa sulla Privacy
Accetto di ricevere informazioni in merito a promozioni, news ed eventi relativi a questo sito in conformità al nuovo reg. 2016/679/UE sulla Privacy.