Il Vegetariano... nel regno della carne, Paolo Businaro e l'Antico Molino lanciano la sfida

Erbette, spuma di asparagi, cavolo nero, broccolo fiolaro (di Creazzo), carletti, rapa rossa... frutta. Tutto per far dimenticare per una sera la carne. Tutto nel regno stesso della carne, in un luogo in cui la carne regna sovrana: il ristorante Antico Molino di Pernumia. Andrea Bergamasco, il patron del locale, ha convinto lo chef Paolo Businaro a cimentarsi in questa insolita 'arena' del gusto: il vegetariano. I piatti vegetariani. Prerogativa di chi ha scelto di mettere da parte la carne: una filosofia di cucina che ha sempre più adepti E non solo in Italia.

Stasera (6 marzo) il ristorante di Pernumia, 'ambientato' fra le mura di un antico mulino ad acqua del '600, ospita l'insolito evento, dove le preziosità dell'orto d'inverno la faranno da protagoniste. All'insegna del buono e sano. Paolo Businaro ha predisposto un menù tutto sommato semplice, seppur arricchito da tocchi di personalità: la sua. Per lo chef padovano una 'sfida' ai fornelli che apre nuovi orizzonti, anche culturali. Un elemento piacerà sicuramente a tutti: la leggerezza delle preparazioni, visti gli ingredienti. Ma all'Antico Molino di solito non si fermamo a questo. Cercano valori nuovi della tavola. Anche oltre la vocazione 'carnivora' del locale...

0 Commenti

Lascia un commento

Acconsento al Trattamento dei miei dati Personali nel rispetto del reg. 2016/679/UE e dichiaro di avere letto l'informativa sulla Privacy

Renato Malaman

Cura il blog "Salsa & Merende" nel quotidiano "Il Mattino di Padova" di cui è stato redattore fino al 31 dicembre 2016. Del quotidiano, con cui ha iniziato a collaborare nel 1978, è stato titolare dal 2001 della rubrica di enogastronomia "Gusto", ora confluita nel blog personale (su www.mattinopadova.it) dedicato all'attualità del Food and Wine veneto e non solo.
Coautore di numerose pubblicazioni nel settore enogastronomico e collaboratore di varie riviste, dal 2004 è ispettore della guida "Ristoranti d'Italia" de L'Espresso. Ha curato la guida "Padova nel piatto" e attualmente dirige la collana "Italia nel piatto" dell'editore Il Poligrafo.
Tra i riconoscimenti ottenuti spicca l'assegnazione di due premi "Penna d'Oca" (edizioni 2005 e 2011), premio biennale promosso da Unioncamere del Veneto. Per quanto riguarda il turismo ha visitato finora 111 paesi del mondo. Fa parte del Gist, associazione della stampa turistica di cui ha ricoperto la carica di delegato regionale e consigliere nazionale. Ha al suo attivo anche una spedizione umanitaria via terra in Guinea Bissau.

Acconsento al Trattamento dei miei dati Personali nel rispetto del reg. 2016/679/UE e dichiaro di avere letto l'informativa sulla Privacy
Accetto di ricevere informazioni in merito a promozioni, news ed eventi relativi a questo sito in conformità al nuovo reg. 2016/679/UE sulla Privacy.