VAN EYCK E IL RINASCIMENTO FIAMMINGO PROTAGONISTI DEL 2020 NELLE FIANDRE

Il 2020 sarà l’anno di Jan Van Eyck e della città che ospita il suo capolavoro, Gent. L’omaggio al pittore che ha rivoluzionato la pittura fiamminga arriva in coda alla celebrazione di altri due grandi ambasciatori delle Fiandre: Rubens nel 2018 e Bruegel nel 2019.

Il terzo e ultimo anno del progetto Flemish Masters 2018-2020 vede la città di Gent sotto i riflettori e risulta essere il più atteso, complice l’emozione per la fine del restauro del capolavoro assoluto di Van Eyck, il Polittico dell’Agnello Misticoche, nell’ottobre del 2020, troverà una nuova ubicazione all’interno della Cattedrale di San Bavone - Sint-Baafs, dove aprirà anche un nuovo Visitor Centre. Eccezionale il fatto che l’anno prossimo il Polittico (pale esterne), insieme a circa la metà delle opere di Jan Van Eyck, sarà protagonista della mostra Van Eyck An Optical Revolutionin programma dal 1° febbraio al 30 aprile al MSK - Museo di Belle Arti di Gent. Ma in città le celebrazioni legate all’artista proseguono per tutto il 2020 con un programma diffuso e articolato dal titolo OMG Van Eyck was here!.

Se Gent è la padrona di casa indiscussa dell’anno di Van Eyck, anche le altre città d’arte fiamminghe hanno molto da dire. Il pittore fu infatti la punta di diamante di un momento storico e artistico che lasciò una preziosissima traccia in tutte le Fiandre.

In primis a Bruges, dove Jan Van Eyck si trasferì nel 1432 al seguito di Filippo il Buono, del quale era pittore ufficiale. Qui visse, morì e venne sepolto. Molti sono i luoghi del centro storico che lo ricordano ancora oggi: il Prinsenhof (all’epoca residenza della Casata di Borgogna), da cui partiva per le sue missioni diplomatiche, la Cattedrale di San Salvatore, con il coro da lui stesso progettato, fino ai resti della Sint-Donaaskathedraal sotto la piazza Burg, dove è sepolto. Ma la vera tappa imprescindibile sono i capolavori custoditi nel Museo Groeninge: Madonna del Canonico Van der Paele (1436) e Ritratto di Margherita van Eyck (1439). La sua influenza sui pittori a lui contemporanei, anche stranieri, fu fondamentale, incluso il suo concittadino Hans Memling, le cui opere si possono ammirare nel Sint-Janshospitaal – Memling Museum. Insieme al Museo Gruuthuse, altro edificio simbolo del Rinascimento, recentemente restaurato, i tre musei costituiscono il circuito dei musei civici della città, perfetta immersione nell’epoca d’oro di Bruges.
Oltre ad essere l’occasione per riscoprire il patrimonio permanente della città patrimonio Unesco, il 2020 sarà cadenzato da 3 mostre temporanee legate al Maestro Fiammingo: Jan Van Eyck in Bruges (12 marzo -12 luglio, Groeninge Museum); Memling Now (4 aprile – 6 settembre, Sintjanshospitaal); Heaven in a nutshell (1 ottobre 2020 -1 febbario 2021, Groeninge Museum).

Il casato borgognone non aveva una reggia fissa, e tendeva a spostarsi tra le diverse città fiamminghe. Mechelen ne fu un luogo privilegiato e quando all’inizio del XVI secolo Margherita d’Austria la scelse come dimora, la designò di fatto a capitale dell’impero borgognone. Il palazzo rinascimentale Hof van Busleyden, residenza dell’umanista e mecenate Hieronymus van Busleyden, era frequentato dai più grandi artisti, scienziati, umanisti e personaggi politici dell’epoca. Oggi museo, mostra l’eredità di quel glorioso periodo in tutte le sue forme, dall’architettura alle opere esposte.

Proseguendo a Lovanio, città universitaria e di grande fermento intellettuale, la tappa d’obbligo è la Chiesa di San Pietro. Qui nel 2020, terminati i lavori di restauro della chiesa, si potrà tornare ad ammirare L’Ultima Cena di Dieric Bouts, capolavoro del pittore del silenzio, custodito nel luogo originario per il quale fu dipinto. È prevista per il 7 marzo la riapertura di questo luogo sacro, dove i visitatori potranno essere condotti, anche attraverso la realtà aumentata, alla scoperta della chiesa stessa e delle opere dei Primitivi Fiamminghi qui custodite.

Non in ultimo, anche nella capitale Bruxelles le tracce dell’eredità borgognona sono evidenti. Nel 2020 è in programma l’apertura del nuovo museo De Librije, nella cinquecentesca Nassau Chapel, all’interno della Royal Library (KRB). La splendida e ottimamente conservata collezione di manoscritti appartenente ai Duchi di Borgogna è considerata una delle eccellenze dell’arte della miniatura del nord Europa. I manoscritti, risalenti al XIV – XV secolo raccontano un’epoca di grande splendore e di talento artistico.

L’epoca borgognona ovvero il Rinascimento Fiammingo
Tra il 1348 e il 1482 i Paesi Bassi furono governati dai Duchi di Borgogna che portarono un’incredibile prosperità economica nella regione. I duchi erano sovrani illuminati, amanti dell’arte, della musica e della letteratura e favorirono uno sviluppo culturale che fece segnare importanti progressi in Europa nel campo dell’arte e della scienza. Il casato borgognone non aveva una reggia fissa e tendeva a spostarsi tra le diverse città delle Fiandre. Bruges, Gent, Mechelen, Lovanio Bruxelles, portano oggi i segni di quell’epoca d’oro. I duchi vivevano in sontuosi edifici che erano la loro dimora (temporanea) ma anche luogo di lavoro e pensiero per le grandi menti dell’epoca. I palazzi cittadini esercitavano un'irresistibile attrazione su governanti, filosofi, scrittori, musicisti, pensatori, artisti, scienziati, artisti. Tra i tanti, il filosofo Erasmo da Rotterdam e Tommaso Moro. Fu questo il periodo dei cosiddetti Primitivi Fiamminghi (Van Eyck, Memling, Bouts) e dei grandi maestri del sedicesimo secolo come Quinten Metsys e Pieter Bruegel, nonché dei grandi compositori della musica polifonica. La floridezza dei palazzi era lo specchio di un atteggiamento gioviale anche nella vita quotidiana e si rifletteva nei grandi banchetti dell’epoca e nell'amore per il buon cibo e il buon bere. Una tradizione che ha lasciato il segno nelle Fiandre: i fiamminghi sono oggi noti per essere “bon vivants” o, per l’appunto, “borgognoni”.

Claudio Zeni

Claudio Zeni, laureato in Letterature e Lingue straniere è nel mondo del giornalismo dall’età di 18 anni. Appassionato di sport, enogastronomia e turismo collabora con media locali, nazionali ed internazionali di settore. Tra i principali riconoscimenti giornalistici assegnatigli si ricorda il premio nazionale Gennaro Paone consegnatogli a Roma dal direttore generale dell’Enit, il I.o premio giornalistico nazionale ‘Strada del Vino del Recioto e di Gambellara’, il I.o premio ‘Primavera del prosecco’, 'Amici della Chianina', 'Premio Tarlati', 'Scandiano', 'Sant'Angelo in Vado, 'Apicio', 'La bisaccia del tartufaio', 'Burson'. Per quattro anni ha seguito l’Hong Kong Food Festival e per due ha coordinato la manifestazione nazionale Top of Golf finalizzata alla proclamazione del miglior ristorante della ‘Wine Tour Cup’ dell'Associazione 'Città del Vino'. Coordinatore della giuria e dei cuochi del concorso culinario ‘Tartufo d’oro’ di Gubbio’. Unitamente al Presidente dei Cuochi di Arezzo organizza il concorso 'Penne bruciate', giornalisti ai fornelli dove a vincere è il 'piatto peggiore'. Autore con Leone Cungi del libro ‘Sport e società a Monte San Savino (Un secolo di storia sportiva e tradizioni sul borgo toscano).

Acconsento al Trattamento dei miei dati Personali nel rispetto del reg. 2016/679/UE e dichiaro di avere letto l'informativa sulla Privacy
Accetto di ricevere informazioni in merito a promozioni, news ed eventi relativi a questo sito in conformità al nuovo reg. 2016/679/UE sulla Privacy.