UN’ESTATE INEBRIANTE SULLE COLLINE DELLA FOOD VALLEY

Colori, suoni e profumi nelle vigne della Food Valley in estate: il tramonto che incendia le nuvole, la brezza che accarezza i filari, il trascinante ritmo di una jazz band, una cena a lume di stelle, il vino che solletica e inebria. Questo “Sogno di una notte di (mezza) estate” non può che essere ambientato intorno a Parma, Città Creativa per la Gastronomia Unesco.

È come uno spettacolo in cui tutti salgono sul palcoscenico e partecipano a una grande festa dei sensi. Registi di questo palinsesto di incontri, i giovani viticoltori di Parma, gli stessi che portano avanti una filosofia produttiva di tendenza.
Il loro segreto? Recuperare vecchie viti, antichi ceppi, tecniche dimenticate, ibridare queste antiche conoscenze utilizzando la ricerca sul campo, per scoprire come leggere e interpretare il “terroir” rispettandone il carattere e le peculiarità. Scienziati-alchimisti al servizio dell’autenticità del prodotto.

Questa visione pionieristica viene “travasata” in un calendario di eventi estivi che celebrano un nuovo patto tra viticoltori, osti e appassionati di vino, fondato sulla trasparenza: “sai cosa bevi, sempre”. Un patto rinnovato con una stretta di mano e un bicchiere di vino ad ogni appuntamento.

ALDINI: CENA IN QUESTA VIGNA IL 10 AGOSTO

Uno degli incontri più attesi è la cena in vigna del 10 agosto, la notte di San Lorenzo, all’Azienda Agricola Antonio Aldini. Dalle ore 19, ottimi vini - malvasia aromatica di Candia, sauvignon, barbera, e cabernet - abbinati al menù dei fratelli Spigaroli, per “una lunga tavolata conviviale allestita tra i filari, con lo sfondo fiabesco del castello di Torrechiara, illuminato dalle stelle cadenti” racconta Antonio Aldini. “Fare vino era il nostro sogno, ma è stato solo quando finalmente siamo riusciti ad acquistare questa bellissima vigna biologica degli anni ‘60 che abbiamo capito che la strada era quella giusta”.

Informazioni e prenotazioni tramite Assapora Parma.

www.parmacityofgastronomy.it/Produttori/azienda-agricola-antonio-aldini/

UNA SETTIMANA FRESCA A MONTE DELLE VIGNE

Spostandoci sulle colline morbide che scendono a destra del fiume Taro, in pieno territorio della Malvasia, la cantina Monte delle Vigne offre un programma fitto di appuntamenti che si susseguono ben due volte a settimana. E così se tutti i giovedì, fino al 13 settembre, c’è l’Aperistreet in vigna, con vini abbinati a food truck sempre diversi, un corner di delizie - salumi e formaggi – e un dj set live con Matteo Corradi, i martedì, fino al 3 settembre, va in scena l’aperitivo in terrazza presso l’Antico Casale delle vigne, a base di crostacei, pesce e pizze gourmet (special guest Nautilus Seafood, Ostricheria, Molluscheria, Crostaceria, pizzeria I Due Gatti).

www.parmacityofgastronomy.it/monte-delle-vigne/

LA MIGLIORE MALVASIA ALLE CANTINE CERDELLI

Parlando di giovani viticoltori della Food Valley, d'obbligo una tappa alle Cantine Cerdelli, tra Langhirano e Felino, vincitrici per il secondo anno consecutivo del premio “La Cosèta d’or” – la cosèta è la tipica ciotola di legno - assegnato alla XXIV edizione del Festival della Malvasia. Ed è proprio con questo vino che nasce umile e popolare, ma dotato di una sua nobiltà intrinseca, che si sono recuperate tecniche dimenticate. “Mi è stato raccontato che nei vecchi vitigni di Malvasia di Candia Aromatica era prassi mettere anche qualche vite di Moscato, in modo che durante la vendemmia si unissero queste due uve. Le mie Malvasia Talete, frizzante, e Democrito, ferma, sono proprio l’unione delle uve di Malvasia e Moscato” racconta orgoglioso il produttore Michele Cerdelli.

www.parmacityofgastronomy.it/Produttori/cantine-cerdelli/

JAZZ EN PLEIN AIR A LAMORETTI

Rimanendo in zona Torrechiara, a Langhirano, l’azienda agricola vitivinicola Lamoretti organizza un acclamato festival jazz direttamente nella sua cantina, quasi tutti i venerdì estivi fino al 30 agosto. La serata inizia con una cena a base di prodotti locali abbinata a 3 calici a scelta, da assaporare ascoltando, ogni volta, un gruppo jazz differente come sound, line-up e ispirazione. Il 9 agosto, in particolare, gli ospiti sono invitati a trascorrere una serata “a naso in su” in onore di San Lorenzo: Calici sotto le stelle è un appuntamento che unisce la magia di una serata musicale, travolgente e ballabile, alla scoperta delle specialità del territorio, dop e doc della Food Valley.

www.parmacityofgastronomy.it/Dove%20mangiare/lamoretti/

APERICENA MUSICALE DA OINOE

Si affaccia invece sulla Val d’Elsa la Società Agricola Oinoe, che dal 2013 propone i suoi vini frutto di tecniche di agricoltura integrata. Ogni giovedì, fino al 5 settembre, la “città del vino” organizza la rassegna con Apericena musicale dal titolo Music, Food, Wine, Humanity. Quattro parole che racchiudono un mondo fatto di nettare prelibato, musica dal vivo a cura di band, cantautori, dj, e diversi food truck provenienti da Parma, con a bordo ogni sorta di prelibatezza.

www.parmacityofgastronomy.it/oinoe-vini/

www.parmacityofgastronomy.it

 

Claudio Zeni

Claudio Zeni, laureato in Letterature e Lingue straniere è nel mondo del giornalismo dall’età di 18 anni. Appassionato di sport, enogastronomia e turismo collabora con media locali, nazionali ed internazionali di settore. Tra i principali riconoscimenti giornalistici assegnatigli si ricorda il premio nazionale Gennaro Paone consegnatogli a Roma dal direttore generale dell’Enit, il I.o premio giornalistico nazionale ‘Strada del Vino del Recioto e di Gambellara’, il I.o premio ‘Primavera del prosecco’, 'Amici della Chianina', 'Premio Tarlati', 'Scandiano', 'Sant'Angelo in Vado, 'Apicio', 'La bisaccia del tartufaio', 'Burson'. Per quattro anni ha seguito l’Hong Kong Food Festival e per due ha coordinato la manifestazione nazionale Top of Golf finalizzata alla proclamazione del miglior ristorante della ‘Wine Tour Cup’ dell'Associazione 'Città del Vino'. Coordinatore della giuria e dei cuochi del concorso culinario ‘Tartufo d’oro’ di Gubbio’. Unitamente al Presidente dei Cuochi di Arezzo organizza il concorso 'Penne bruciate', giornalisti ai fornelli dove a vincere è il 'piatto peggiore'. Autore con Leone Cungi del libro ‘Sport e società a Monte San Savino (Un secolo di storia sportiva e tradizioni sul borgo toscano).

Acconsento al Trattamento dei miei dati Personali nel rispetto del reg. 2016/679/UE e dichiaro di avere letto l'informativa sulla Privacy
Accetto di ricevere informazioni in merito a promozioni, news ed eventi relativi a questo sito in conformità al nuovo reg. 2016/679/UE sulla Privacy.