UN SUCCESSO LA SECONDA EDIZIONE DI EGOCIRCUS

La seconda edizione di Egocircus, il “circo” della mixology nato per unire sotto un simbolico tendone a spicchi rossi e bianchi, barman fiorentini, italiani e internazionali tra i più talentuosi, che hanno espresso la loro arte in un gioco di contaminazioni e suggestioni durante le serate itineranti, purtroppo interrotta per l’emergenza sanitaria, ha comunque visto, nelle 8 serate su 13 regolarmente svolte, la partecipazione di 3 barman internazionali (provenienti da Tokyo, Singapore e Mosca), 5 locali nazionali (con i rispettivi bartender) e 5 locali fiorentini. Sempre per la seconda edizione sono stati miscelati 96 signature cocktail, a cura di 24 locali diversi e altrettanti bartending team.

La larga affluenza alle serate è stata un traguardo importante, coronato dalle tre Masterclass firmate Ego Academy e dalle serate di Ego Circus, con un pubblico variegato eppure fidelizzato. Anche la parte social ha fatto passi in avanti rilevanti (+22% la community di Facebook; +296% quella di Instagram), sia per l’interazione costante con i nostri profili sia grazie alla challenge #40seconstomix, che in periodo di quarantena ha visto partecipare più di 400 barman da tutto il mondo, arrivando così a raccogliere e devolvere interamente quasi 1000,00 euro alla Croce Rossa italiana.

“Poiché the show must (E)go on, guardiamo già al futuro e agli obiettivi della terza edizione - afferma Gabriele Frongia ideatore di Ego Circus - in primo luogo, quello di raggiungere non solo il pubblico legato all’industry, ma anche quello generalista, con un approccio alle serate incentrato più sul concetto di lifestyle, senza però trascurare l’elemento fondamentale di Ego Circus: la promozione dei locali, dei prodotti, dei bartender e dei drink di qualità ”.

Le serate principali della terza edizione di Ego Circus saranno 6, a distanza di 14 giorni l’una dall’altra, da metà maggio a inizio luglio: si partirà da Firenze, presso la terrazza del Plaza Hotel Lucchesi, per poi spostarsi a Milano, Venezia, Roma e Napoli, con protagonisti i rooftop più suggestivi e significativi delle città coinvolte. La tournée terminerà, infine, ancora una volta sulla terrazza del Plaza Hotel Lucchesi, con un evento al quale saranno invitati tutti i barman delle serate precedenti.

 

Claudio Zeni

Claudio Zeni, laureato in Letterature e Lingue straniere è nel mondo del giornalismo dall’età di 18 anni. Appassionato di sport, enogastronomia e turismo collabora con media locali, nazionali ed internazionali di settore. Tra i principali riconoscimenti giornalistici assegnatigli si ricorda il premio nazionale Gennaro Paone consegnatogli a Roma dal direttore generale dell’Enit, il I.o premio giornalistico nazionale ‘Strada del Vino del Recioto e di Gambellara’, il I.o premio ‘Primavera del prosecco’, 'Amici della Chianina', 'Premio Tarlati', 'Scandiano', 'Sant'Angelo in Vado, 'Apicio', 'La bisaccia del tartufaio', 'Burson'. Per quattro anni ha seguito l’Hong Kong Food Festival e per due ha coordinato la manifestazione nazionale Top of Golf finalizzata alla proclamazione del miglior ristorante della ‘Wine Tour Cup’ dell'Associazione 'Città del Vino'. Coordinatore della giuria e dei cuochi del concorso culinario ‘Tartufo d’oro’ di Gubbio’. Unitamente al Presidente dei Cuochi di Arezzo organizza il concorso 'Penne bruciate', giornalisti ai fornelli dove a vincere è il 'piatto peggiore'. Autore con Leone Cungi del libro ‘Sport e società a Monte San Savino (Un secolo di storia sportiva e tradizioni sul borgo toscano).

Acconsento al Trattamento dei miei dati Personali nel rispetto del reg. 2016/679/UE e dichiaro di avere letto l'informativa sulla Privacy
Accetto di ricevere informazioni in merito a promozioni, news ed eventi relativi a questo sito in conformità al nuovo reg. 2016/679/UE sulla Privacy.