TRIESTE A TUTTA CULTURA

Trieste conferma la sua vocazione di città letteraria e culturale mettendo in campo alcune interessanti mostre per scoprire quest’estate il capoluogo giuliano e al tempo stesso approfittare per visitare alcune delle location d’eccezione. Palazzo Gopcevich, una delle più significative testimonianze di stile eclettico a Trieste ospiterà fino al 18 settembre alcuni disegni del Tiepolo, mentre il Civico Museo Sartorio presenterà le opere dell’artista triestino Piero Marussig visibili fino al 9 ottobre. Entro la stessa data sarà in mostra alla Galleria d’Arte del Museo Revoltella la quarta serie degli Autoritratti d’artista.

Tiepolo. La straordinaria storia dei disegni triestini Palazzo Gopcevich, Sala Attilio Selva  - Fino al 18 settembre 2022 - Presso la Sala Attilio Selva di Palazzo Gopcevich, situato nel cuore del Borgo Teresiano, sarà possibile ammirare una selezione di 16 disegni di Giambattista Tiepolo provenienti della collezione dei Civici Musei di Storia ed Arte di Trieste che conta 254 fogli, di cui 25 disegnati su ambo i lati. La mostra, a cura di Lorenza Resciniti e Anna Krekic, conservatori dei Musei Storici e Artistici, intende ripercorrere le tappe salienti di questa storia: la singolare acquisizione dei disegni da parte del collezionista triestino Giuseppe Sartorio nella Trieste di fine ’800; il dono ai musei civici per il tramite delle sue eredi nel 1910; l’allontanamento dei disegni da Trieste nel 1916 per proteggerli dai danni del conflitto; i fatti avvenuti tra la prima e la seconda guerra mondiale; l’atteso rientro della collezione in città nel 1941. Promossa e realizzata dall’Assessorato alle Politiche della Cultura e del Turismo del Comune di Trieste, la mostra sarà visitabile fino al 18 settembre.
Per maggiori informazioni:
Palazzo Gopcevich, Sala Attilio Selva
Via Rossini Gioacchino, Trieste
Tel 040 675 4068
Orari: da martedì a domenica dalle 10 alle 17.
Ingresso libero
www.triestecultura.it

Piero Marussig. Camera con vista su Trieste - Civico Museo Sartorio - Fino al 9 ottobre 2022 - Trieste rende omaggio a uno dei maggiori esponenti dell’arte del Novecento Italiano, con la mostra Piero Marussig. Camera con vista su Trieste che include alcuni indiscussi capolavori provenienti dal Civico Museo Revoltella e da collezioni private, che saranno visibili fino al 9 ottobre presso il Civico Museo Sartorio, una casa-museo incastonata sul colle di San Vito di Trieste. Il progetto di allestimento presenta i momenti salienti dell’opera di Marussig: il periodo triestino con le opere realizzate nella sua villa di Chiadino, borgo di Trieste, e quello milanese durante il quale l’artista è tra i fondatori del Novecento Italiano.
Per maggiori informazioni:
Civico Museo Sartorio
Largo Papa Giovanni XXIII, 1, Trieste
Orari: da giovedì a domenica, dalle 10.00 alle 17.00;
fino alle 21.00 in occasione degli spettacoli di Trieste Estate 2022.
Ingresso libero
https://museosartoriotrieste.it/

Attraverso il volto. Autoritratti dalle collezioni del Museo Revoltella - Fino al 9 ottobre 2022 - La Galleria d’arte moderna del Museo Revoltella, ospita fino al 9 ottobre la mostra Attraverso il volto. Autoritratti dalle collezioni del Museo Revoltella, a cura di Susanna Gregorat, con una selezione di opere, in gran parte inedite al pubblico, della prestigiosa collezione di autoritratti del museo, che nella sua totalità conta circa 120 dipinti. La mostra fa parte di un ampio e articolato progetto dedicato al tema del ritratto e dell'autoritratto d'artista che nei mesi scorsi ha visto le esposizioni Io, lei, l’altra. Ritratti e autoritratti fotografici di donne artiste al Magazzino delle Idee di Trieste, Artista+Artista. Visioni contemporanee alla Galleria Regionale d’Arte contemporanea “Luigi Spazzapan” di Gradisca d'Isonzo e Riflessi. Autoritratti nello specchio della storia a Palazzo Attems Petzenstein di Gorizia. Attraverso molteplici sfaccettature il percorso complessivo, declinato sulle quattro mostre, vede il tema centrale dell’autoritratto farsi dispositivo di riflessioni legate alla rappresentazione, al ruolo dell'artista, al sistema dell'arte guardando l’”Artista” con gli occhi degli “Artisti”, per coglierne l’immagine, nella sua dimensione ‘mitica’, mediante la sua proiezione in ritratti e autoritratti.
Per maggiori informazioni:
Museo Revoltella - Galleria d’arte moderna
Via Diaz 27, Trieste
info 040 675 4350
Orari: Tutti i giorni dalle 9 alle 19. Martedì chiuso
Ingresso a pagamento
https://museorevoltella.it/

Claudio Zeni

Claudio Zeni, laureato in Letterature e Lingue straniere è nel mondo del giornalismo dall’età di 18 anni. Appassionato di sport, enogastronomia e turismo collabora con media locali, nazionali ed internazionali di settore. Tra i principali riconoscimenti giornalistici assegnatigli si ricorda il premio nazionale Gennaro Paone consegnatogli a Roma dal direttore generale dell’Enit, il I.o premio giornalistico nazionale ‘Strada del Vino del Recioto e di Gambellara’, il I.o premio ‘Primavera del prosecco’, 'Amici della Chianina', 'Premio Tarlati', 'Scandiano', 'Sant'Angelo in Vado, 'Apicio', 'La bisaccia del tartufaio', 'Burson'. Per quattro anni ha seguito l’Hong Kong Food Festival e per due ha coordinato la manifestazione nazionale Top of Golf finalizzata alla proclamazione del miglior ristorante della ‘Wine Tour Cup’ dell'Associazione 'Città del Vino'. Coordinatore della giuria e dei cuochi del concorso culinario ‘Tartufo d’oro’ di Gubbio’. Unitamente al Presidente dei Cuochi di Arezzo organizza il concorso 'Penne bruciate', giornalisti ai fornelli dove a vincere è il 'piatto peggiore'. Autore con Leone Cungi del libro ‘Sport e società a Monte San Savino (Un secolo di storia sportiva e tradizioni sul borgo toscano).

Acconsento al Trattamento dei miei dati Personali nel rispetto del reg. 2016/679/UE e dichiaro di avere letto l'informativa sulla Privacy
Accetto di ricevere informazioni in merito a promozioni, news ed eventi relativi a questo sito in conformità al nuovo reg. 2016/679/UE sulla Privacy.