Torna "Formaggio in Villa" a Cittadella. Mille caci d'autore in degustazione per quattro giorni

Dal 14 al 17 aprile ritorna a Cittadella “Formaggio in Villa”, 11^ edizione della rassegna nazionale annuale con le migliori realtà casearie.  Formaggi da tutta Italia: uno spettacolo gustoso tra le mura!

Quattro giorni per scoprirli ed assaggiarli con chi li produce e li affina. In arrivo da tutta Italia piccole e grandi produzioni locali, DOP, rarità e nuove proposte. Formaggi pluripremiati nei concorsi nazionali ed internazionali. Un calendario ricco di appuntamenti: le “Masterclass” con degustazioni a tema di formaggi italiani ed europei; il Salone dedicato all’Alta Salumeria; le Semifinali dei 100 formaggi in competizione per le “Nomination” del premio Italian Cheese Awards; i Seminari trasmessi in diretta streaming. L’evento è in crescita, l’incremento di espositori del 20%. Sono attesi 100.000 visitatori, appassionati ed operatori del settore.

Ne vedremo, ma soprattutto ne assaggeremo, di tutti i gusti e di tutte le regioni. Sono i formaggi in arrivo da tutta Italia che saranno protagonisti per un week end tra le mura di Cittadella. Dal 14 al 17 aprile le vie del centro storico ospiteranno più di 160 espositori provenienti da tutte le regioni. Un incremento del 20% rispetto la scorsa edizione La regioni più rappresentata è il Veneto con 36, la Lombardia con 14, il Piemonte 12, l’Emilia Romagna 9 a seguire Campania 7, Lazio 7 e Friuli Venezia Giulia con 6. Il rimanente è frazionato tra tutte le altre regioni. Oltre ai migliori formaggi nazionali si potranno assaggiare ed acquistare salumi, birre artigianali e prodotti di tendenza per la cucina.

Quattro giorni tutti dedicati all’infinito mondo dei formaggi con più di 1000 formaggi di caseifici e affinatori diversi disponibili nei banchi della mostra mercato, nelle degustazioni Masterclass e nelle selezioni per il Premio Italian Cheese Awards. Piccole produzioni agricole distribuite localmente, rarità e formaggi artigianali.

Immancabili i veneti, padroni di casa, capitanati dal formaggio Asiago DOP nelle diverse stagionature, dal Fresco allo Stravecchio. Presenti anche il Monte Veronese DOP, il Morlacco del Grappa e  il Bastardo del Grappa. In crescita la rappresentanza di formaggi biologici, tendenza del momento, e i caprini. 

Tra i tanti formaggi presenti segnaliamo: Pecorino di Amatrice, Pecorino Romano DOP, Pecorino Pugliese, Fiore Sardo Dop, Toma Piemontese, Strachitunt, Salva Cremasco, Branzi FTB, Taleggio DOP, Quartirolo, Castelmagno Dop, Formai de Mut, Vezzena, Formadi Frant, Pecorino Canestrato Pugliese DOP, Mozzarella di Bufala Campana DOP, Stracchino stagionato, Stracchino all’Antica, Burrata, Stracciatella, Treccia di pasta di caciocavallo, Stracciata Molisana, Caciocavallo di Agnone, Caciocavallo Podolico, Caciocavallo Silano, Parmigiano Reggiano DOP, Provolone ed il Puzzone di Moena DOP.

Come la scorsa edizione aumenteranno i formaggi aromatizzati sui banchi di degustazione e di vendita. Proposti, è proprio il caso di dirlo, in tutte le salse! Non mancheranno le “classiche” aromatizzazioni al vino, affinati nella paglia e con le spezie. Per gli amanti delle sensazioni gustative forti, in questa categoria si troveranno formaggi inediti e fuori dagli schemi. Sia per la lavorazione, che utilizza ingredienti della pasticceria. Sia per la fantasia dei nomi: Blu ‘61, Bollcrem, Capra Tonka & Vermouth, Affinato Bacche Bianche, I'Taliko, Smo’King, Basajo, Blugins… Ma sono formaggi o dessert? Al pubblico l’ardua sentenza.

L’undicesima edizione di Formaggio in Villa, come la scorsa, si confermerà una vera e propria vetrina per le “stelle” del firmamento caseario. Saranno presenti, nei diversi appuntamenti della manifestazione, formaggi che hanno ricevuto i più importanti riconoscimenti nei primi nazionali ed internazionali. Tra questi segnaliamo la partecipazione dei formaggi italiani premiati nelle ultime edizioni di ITALIAN CHEESE AWARDS:  Mozzarella di Bufala Campana DOP del caseificio Il Casolare, Fiore Sardo DOP di Salvatore Bussu, Stracciatella ed Don Carlo di inMasseria, Asiago DOP fresco ed lo Stracchino del caseificio San Rocco, Stracciata molisana e Caciocavallo di Agnone del caseificio Di Nucci, Monte Lupo del caseificio La Casara di Roncolato, Capra ubriaco al Traminer e Ubriacato al Glera di Latteria Perenzin, Branzi e Stracchino all’antica di Latteria Branzi, Morlacco del Grappa di Toniolo Casearia, Brenta Selezione Oro di Latterie Vicentine, Smo’king di Latteria di Aviano  lo Stagionato oltre 24 mesi de I Sapori delle Vacche Rosse, Puzzone di Moena DOP del Caseificio Soc. Predazzo e Moena, Annutolo de La tenuta Bianca, Gorgonzola Dop Piccante di Luigi Guffanti Formaggi 1876, Silano piccante del caseificio Posticchia Sabelli e il Gregoriano di Gregorio Rotolo  premiato formaggio dell’anno nell’ultima edizione.

 

Il premio Italian Cheese Awards ‘23, giunto alla 2° fase delle selezioni, proporrà la degustazione libera di 100 formaggi dove anche il pubblico potrà assaggiarli e votare il preferito! Le degustazioni si terranno alla Chiesetta del Torresino sabato 15 e domenica 16 aprile dalle ore 11:00 alle 17:00.

Le Masterclass da non perdere: “I Re di Francia” dedicato ai formaggi francesi, per assaggiare il Pouligny St Pierre.della Loira celebre per la forma piramidale allungata, il Brie de Meaux, l’Epoisse, il Comté ed il Roquefort. “Say… Cheese!” 5 formaggi inglesi da assaggiare assolutamente: Ragstone formaggio di capra morbido, Baron Bigod, Ogleshield, Pichfork Cheddar e lo Shropshire Colton Basset. “Olè, la Spagna!” per scoprire i formaggi tipici spagnoli: Zamorano, Mahon, Cabrales Idiazabal e Manchego. A cura di Luigi Guffanti Formaggi 1876: “L'allevamento del formaggio in cantina”, il ruolo dell’affinatore. Degustazione comparata tra formaggi prima e dopo la stagionatura.

Le masterclass, le degustazioni guidate, si svolgeranno nei locali storici della Torre di Malta, vicino all’ingresso di Porta Padova. La durata è di 60 minuti. Le prenotazioni si effettuano on line sul sito dell’evento.

 

Infine, in Piazza Pierobon, l’Asiago Bistrot proporrà tante occasioni per una pausa gourmet a base di formaggio Asiago DOP in diverse stagionature con i piatti creativi preparati dal talentuoso chef Paolo Trippini, dell’associazione JRE (Jeunes Restaurateurs) Italia.

Una visita a Formaggio in Villa darà la possibilità di godere in relax le atmosfere medioevali di Cittadella, la città murata che recentemente ha ricevuto il riconoscimento di “European Best Destination” per il 5° posto nella classifica delle migliori destinazioni turistiche d’Europa 2023. Nei giorni della manifestazione sarà possibile visitare: La Casa del Capitano ed il camminamento tra le mura storiche, unico nel suo genere, il Museo del Duomo, Palazzo Pretorio, il Teatro Sociale, la Chiesa del Torresino e la Torre di Malta.

All‘ingresso di Porta Treviso Despar sarà presente con uno speciale Truck Bus che ospiterà un programma di incontri e degustazioni con i formaggi dei Consorzi.

L’ingresso alla manifestazione è gratuito. 

Main partner della manifestazione è il Consorzio Tutela Formaggio Asiago. Partecipano i Consorzi di Tutela dei Formaggi: Monte Veronese DOP, Parmigiano Reggiano DOP, Pecorino Romano DOP, Mozzarella di Bufala Campana DOP e Ricotta di Bufala Campana.

0 Commenti

Lascia un commento

Acconsento al Trattamento dei miei dati Personali nel rispetto del reg. 2016/679/UE e dichiaro di avere letto l'informativa sulla Privacy

RENATO MALAMAN

Collabora con Rai Radio Uno, come esperto di turismo nella trasmissione "Tra poco in edicola", e con il "Corriere del Ticino". Cura il blog "Salsa & Merende" nel quotidiano "Il Mattino di Padova" di cui è stato redattore fino al 31 dicembre 2016. Del quotidiano, con cui ha iniziato a collaborare nel 1978, è stato titolare dal 2001 della rubrica di enogastronomia "Gusto", ora confluita nel blog personale (su www.mattinopadova.it) dedicato all'attualità del Food and Wine veneto e non solo. E' titolare della rubrica di viaggi del mensile "La Piazza" (23 edizioni nel Veneto) dal 1996 e della pagina "La recensione" sul magazine "Con i piedi per terra". Collabora con "Voyager".
Coautore di numerose pubblicazioni nel settore enogastronomico e collaboratore di varie riviste, dal 2004 è ispettore della guida "Ristoranti d'Italia" de L'Espresso. Ha curato la guida "Padova nel piatto". E' coautore dei volumi "L'osteria di Padova" e "I Colli ritrovati", quest'ultimo sui 50 anni della legge 1097/71 che salvò i Colli Euganei dalle cave.
Tra i riconoscimenti ottenuti spicca l'assegnazione di due premi "Penna d'Oca" (edizioni 2005 e 2011), premio biennale promosso da Unioncamere del Veneto, più un premio dell'Assostampa Padovana nel 2012 per reportage in 10 puntate su "Alluvione, un anno dopo". Per quanto riguarda il turismo ha visitato finora 124 paesi del mondo. Fa parte dell'ITP, associazione di giornalisti della stampa turistica. Ha al suo attivo anche una spedizione umanitaria via terra in Guinea Bissau e il viaggio con auto elettriche Tesla Padova-Belgrado lungo i luoghi di Nikola Tesla.

Acconsento al Trattamento dei miei dati Personali nel rispetto del reg. 2016/679/UE e dichiaro di avere letto l'informativa sulla Privacy
Accetto di ricevere informazioni in merito a promozioni, news ed eventi relativi a questo sito in conformità al nuovo reg. 2016/679/UE sulla Privacy.