THE PAINTED BIRD IL FILM CECO IN LIZZA PER IL LEONE D’ORO A VENEZIA

Era dal 1994 – quando a partecipare fu un film di Jiri Menzel - che una pellicola prodotta, e in parte anche girata, in Repubblica Ceca non entrava nella selezione più prestigiosa della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica puntualmente organizzata in Laguna e applaudita in tutto il mondo.  

Nabarvene Ptace (The Painted Bird-L’uccello dipinto), film scritto e diretto da Vaclav Marhoul, è tra le pellicole che in questi giorni concorrono all’ambito Leone D’Oro alla 76ma Mostra del Cinema di Venezia. Dopo 25 anni, la Repubblica Ceca torna a conquistare un posto nella categoria più prestigiosa del Festival. Non solo: è la prima volta che nei tre festival più importanti d‘Europa (Venezia, Cannes e Berlino) viene presentata l'opera di un regista cresciuto dopo il 1989.

Il copione è tratto dall’omonimo romanzo (1965) di Jerzy Kosinski, scrittore polacco naturalizzato statunitense, e narra le vicende di un ragazzino ebreo durante la Seconda Guerra Mondiale, affidato dai genitori a dei parenti in una zona rurale e isolata dell’Europa dell’Est. Si troverà così a sfuggire dalle persecuzioni naziste, ma a dover affrontare la solitudine, nonché l’ostilità della popolazione locale.
L’opera di Marhoul – primo film girato, seppur parzialmente, in lingua artificiale ausiliaria interslava - nasce da lontano: l’autore comincia a pensare a un adattamento del libro già nel 2008, ancor prima di ottener i diritti cinematografici del romanzo. La stesura della sceneggiatura durerà circa tre anni, la ricerca dei fondi altri quattro.  Le riprese – in diverse località tra Ucraina, Slovacchia, Polonia e Repubblica Ceca- sono cominciate a marzo 2017 e si sono protratte fino a luglio 2018. La pellicola, drammatica, è volutamente in bianco e nero per sottolineare la storicità della vicenda.
A rappresentare la Repubblica Ceca in Laguna, anche i film:
SH_T HAPPENS (cortometraggio, 2019) di David Stumpf e Michaela Mihalyi, nella categoria Orizzonti
EXTASE (1932) di Gustav Machaty in versione restaurata e digitalizzata, nella categoria Classics.

Claudio Zeni

Claudio Zeni, laureato in Letterature e Lingue straniere è nel mondo del giornalismo dall’età di 18 anni. Appassionato di sport, enogastronomia e turismo collabora con media locali, nazionali ed internazionali di settore. Tra i principali riconoscimenti giornalistici assegnatigli si ricorda il premio nazionale Gennaro Paone consegnatogli a Roma dal direttore generale dell’Enit, il I.o premio giornalistico nazionale ‘Strada del Vino del Recioto e di Gambellara’, il I.o premio ‘Primavera del prosecco’, 'Amici della Chianina', 'Premio Tarlati', 'Scandiano', 'Sant'Angelo in Vado, 'Apicio', 'La bisaccia del tartufaio', 'Burson'. Per quattro anni ha seguito l’Hong Kong Food Festival e per due ha coordinato la manifestazione nazionale Top of Golf finalizzata alla proclamazione del miglior ristorante della ‘Wine Tour Cup’ dell'Associazione 'Città del Vino'. Coordinatore della giuria e dei cuochi del concorso culinario ‘Tartufo d’oro’ di Gubbio’. Unitamente al Presidente dei Cuochi di Arezzo organizza il concorso 'Penne bruciate', giornalisti ai fornelli dove a vincere è il 'piatto peggiore'. Autore con Leone Cungi del libro ‘Sport e società a Monte San Savino (Un secolo di storia sportiva e tradizioni sul borgo toscano).

Acconsento al Trattamento dei miei dati Personali nel rispetto del reg. 2016/679/UE e dichiaro di avere letto l'informativa sulla Privacy
Accetto di ricevere informazioni in merito a promozioni, news ed eventi relativi a questo sito in conformità al nuovo reg. 2016/679/UE sulla Privacy.