TENUTA FERRAIA VINI PIACENTINI DA PREMIO

Ribalta internazionale e nazionale per i vini piacentini. Tenuta Ferraia di Vicomarino di Ziano Piacentino, infatti, in questo ultimo periodo ha collezionato ben 16 premi in alcuni dei più importanti concorsi enologici e 5 menzioni in due guide di settore. Premi che sono andati ad alcuni dei vini simbolo di queta terra, come Malvasia e Gutturnio, e ad altri ottenuti da vitigni internazionali come Chardonnay, Sauvignon, Merlot e Cabernet Sauvignon che nel piacentino sono in grado di esprimersi in prodotti di grande pregio.
«Fare bene il proprio lavoro è prima di tutto una soddisfazione personale. Ma quando sono anche gli altri ad accorgersene, sicuramente è più gratificante. Con gli importanti riconoscimenti ottenuti dalla nostra Azienda in questi ultimi mesi, il grande impegno che quotidianamente mettiamo in vigna e in cantina è stato premiato e riconosciuto dalle tantissime giurie di esperti del settore che hanno assaggiato i nostri vini», spiegano da Tenuta Ferraia.

A livello internazionale, i vini Ferraia hanno ottenuto all’International Challenge Gilbert & Gaillard in Francia ben tre premi: due “Doppia medaglia d’Oro” per “Acino d’Oro” Malvasia DOC 2021 e “Le Staffe” Gutturnio Classico Superiore DOC 2020 e una Oro con il Chardonnay DOC 2021. Sono, invece, due le “Medaglia Oro” ottenuta al concorso Mundus Vini che si svolge in Germania, grazie a “Brigà” DOC 2018, un uvaggio di Merlot e Cabernet Sauvignon, e ad “Acino d’Oro” Malvasia di Candia DOC 2021, selezionati fra oltre 4.000 vini provenienti da tutto il mondo.

A livello nazionale, invece, doppietta al The Wine Hunter Award, il concorso enologico del celebre Merano WineFest. Premiati “Il Grì” Sauvignon DOC 2019 e la Malvasia DOC 2021 entrambi con la “Medaglia Rosso”, che identifica i vini che hanno ottenuto un punteggio compreso tra 90 e 92.99 punti su 100. Tre i premi collezionati al concorso WOW – The Italian Wine Competitions organizzato dalla storica rivista “Civiltà del Bere”: Bronzo per la Malvasia Vivace DOC 2021 e due Argento per il Gutturnio DOC “Le Staffe” 2020 e per lo Chardonnay DOC 2020. Tre vini premiati anche al concorso Vino Way: l’Oro per il Barbera DOC 2018 e due Argento per lo Chardonnay Doc 2020 e il Gutturnio DOC 2020. E ancora il “Premio Qualità Italia" per la Malvasia Frizzante DOC “Ferraia” 2021 e per la Malvasia DOC “Acino d’Oro” 2021.

Infine, riconoscimenti ai vini di Tenuta Ferraia sono arrivati anche dalla nota guida “Vini d’Italia 2023” del Gambero Rosso che ha riconosciuto “2 Bicchieri” allo Chardonnay DOC 2020 e alla Malvasia Frizzante DOC 2021, e “1 Bicchiere” all’Ortrugo Frizzante DOC 21 e al Sauvignon DOC “Il Grì” 2019. Infine, menzione d’eccellenza per il Gutturnio DOC “Le Staffe” 2020 sulla guida “Emilia-Romagna da bere e da mangiare” realizzata all’AIS – Associazione Italiana Sommelier Emilia e Romagna.

Tenuta Ferraia è un’azienda storica del territorio di Ziano Piacentino. La famiglia Manara, titolare della Tenuta, già negli anni trenta partecipa all’importante Mostra Nazionale delle Uve da Tavola che si svolse a Piacenza ed è tra le prime a trasformarsi per avviare la produzione di uve da mosto. Nel 1939 l’Azienda Vitivinicola Fratelli Manara è la prima ad apporre sulle bottiglie l’etichetta con la denominazione di Gutturnio. Oggi la proprietà si estende per 40 ettari coltivati a vigneto ed è dotata di una cantina, con propria linea d’imbottigliamento, moderna e tecnologica.

www.ferraiawinery.it

 

Claudio Zeni

Claudio Zeni, laureato in Letterature e Lingue straniere è nel mondo del giornalismo dall’età di 18 anni. Appassionato di sport, enogastronomia e turismo collabora con media locali, nazionali ed internazionali di settore. Tra i principali riconoscimenti giornalistici assegnatigli si ricorda il premio nazionale Gennaro Paone consegnatogli a Roma dal direttore generale dell’Enit, il I.o premio giornalistico nazionale ‘Strada del Vino del Recioto e di Gambellara’, il I.o premio ‘Primavera del prosecco’, 'Amici della Chianina', 'Premio Tarlati', 'Scandiano', 'Sant'Angelo in Vado, 'Apicio', 'La bisaccia del tartufaio', 'Burson'. Per quattro anni ha seguito l’Hong Kong Food Festival e per due ha coordinato la manifestazione nazionale Top of Golf finalizzata alla proclamazione del miglior ristorante della ‘Wine Tour Cup’ dell'Associazione 'Città del Vino'. Coordinatore della giuria e dei cuochi del concorso culinario ‘Tartufo d’oro’ di Gubbio’. Unitamente al Presidente dei Cuochi di Arezzo organizza il concorso 'Penne bruciate', giornalisti ai fornelli dove a vincere è il 'piatto peggiore'. Autore con Leone Cungi del libro ‘Sport e società a Monte San Savino (Un secolo di storia sportiva e tradizioni sul borgo toscano).

Acconsento al Trattamento dei miei dati Personali nel rispetto del reg. 2016/679/UE e dichiaro di avere letto l'informativa sulla Privacy
Accetto di ricevere informazioni in merito a promozioni, news ed eventi relativi a questo sito in conformità al nuovo reg. 2016/679/UE sulla Privacy.