SUPER G COURMAYEUR RIAPRE IL MOUNTAIN CLUB PIÙ COOL DELLE ALPI ITALIANE CON DUE NOVITÀ

Ancora una volta il Super G in pole position per la stagione invernale 2019/20. Quest’anno si comincia il 6 dicembre, pronti sulle piste per recitare il mantra che ha reso famoso il Mountain Club di Courmayeur: “eat. sleep. ride. après ski. repeat”.

La prima grande novità? La collaborazione con lo chef stellato Andrea Berton, titolare dell’omonimo ristorante milanese, ma anche grande appassionato di montagna e di musica: gli ingredienti alla base della ricetta firmata Super G.
E per rendere l’esperienza ancora più divertente, facile e all’avanguardia, arrivano in quota anche i pagamenti cashless, grazie alla nuova partnership con Mastercard: basta code alla cassa, per godersi giornate sugli sci ancora più lunghe.

Lo chef Andrea Berton (1 stella Michelin ristorante Berton Milano e 1 stella Michelin ristorante Berton al Lago) curerà l’offerta gastronomica di tutti gli outlet del Super G: caffetteria, area fast food e ovviamente il ristorante. In pista (o meglio ai fornelli) ci sarà una brigata di cucina pronta a dare forma e sostanza all’ispirazione dello chef milanese: l’obiettivo sarà creare piatti in sintonia con lo spirito della montagna e del Super G, portando in tavola una serie di proposte golose e divertenti. Non potrà mancare, ad esempio, la polenta, arricchita da fonduta al Grana Padano e tartufo bianco d’Alba, la sontuosa lasagna di crostacei o il merluzzo alla pizzaiola con pane croccante. Da accompagnare con lo champagne le due pizze gourmet farcite con formaggio fondente e tartufo bianco d’Alba grattato in sala o con pomodoro e Pata Negra. In carta anche piatti per chi cerca qualcosa di più leggero, come insalate croccanti, zuppe e creme di verdure freschissime.
Infine, dopo il successo della scorsa stagione, torna anche (Star)dust dinner, la cena più chic on the slopes: lo chef Andrea Berton e le sue stelle daranno vita a serate speciali, all’insegna della buona cucina, del divertimento e della musica.
 
Il ristorante è aperto anche la sera, sia per gli ospiti dell’hotel sia per chi ha voglia di salire in quota (la funivia è aperta tutti i giorni fino alle 23.40).
 
All’interno del progetto Super G, Mastercard vuole sperimentare alcune delle tecnologie più all’avanguardia per il mondo del settore ristorazione e alberghiero, trasformando il mountain club in un vero e proprio laboratorio per l’innovazione nel mondo dei pagamenti. Tra queste la creazione di una consumer journey che prediligerà il cashless, col lancio di un terminale di pagamento mobile integrato con la gestione degli ordini e il sistema di cassa, che consentirà ai clienti di pagare con la propria carta o il proprio smartphone o wearable abilitato ai pagamenti NFC. Ovunque si trovino nella struttura, gli ospiti potranno evitare inutili code alla cassa e risparmiare tempo prezioso per poter vivere in totale libertà le proprie giornate in quota all’insegna delle passioni per la montagna e il buon cibo, usufruendo di un’esperienza di pagamento sempre più smart, semplice e veloce.

Risultato di un’esperienza memorabile vissuta in Canada nel 2012, Super G - The Italian Mountain Club è una realtà unica in Italia: al suo interno un boutique hotel, un bar, un ristorante gourmet, una spa e una grande terrazza per l’après ski.
Inaugurato nel 2013 al Plan Chécrouit, all’arrivo degli impianti, il Super G nasce da un’idea di Andrea Baccuini, imprenditore e consulente strategico per diverse aziende italiane, e Giacomo Sonzini, Managing Partner di Celtic Asset Management.

La formula vincente? Generare good vibes per lasciare good memories (digitali e non).
 
www.lovesuperg.com.

Claudio Zeni

Claudio Zeni, laureato in Letterature e Lingue straniere è nel mondo del giornalismo dall’età di 18 anni. Appassionato di sport, enogastronomia e turismo collabora con media locali, nazionali ed internazionali di settore. Tra i principali riconoscimenti giornalistici assegnatigli si ricorda il premio nazionale Gennaro Paone consegnatogli a Roma dal direttore generale dell’Enit, il I.o premio giornalistico nazionale ‘Strada del Vino del Recioto e di Gambellara’, il I.o premio ‘Primavera del prosecco’, 'Amici della Chianina', 'Premio Tarlati', 'Scandiano', 'Sant'Angelo in Vado, 'Apicio', 'La bisaccia del tartufaio', 'Burson'. Per quattro anni ha seguito l’Hong Kong Food Festival e per due ha coordinato la manifestazione nazionale Top of Golf finalizzata alla proclamazione del miglior ristorante della ‘Wine Tour Cup’ dell'Associazione 'Città del Vino'. Coordinatore della giuria e dei cuochi del concorso culinario ‘Tartufo d’oro’ di Gubbio’. Unitamente al Presidente dei Cuochi di Arezzo organizza il concorso 'Penne bruciate', giornalisti ai fornelli dove a vincere è il 'piatto peggiore'. Autore con Leone Cungi del libro ‘Sport e società a Monte San Savino (Un secolo di storia sportiva e tradizioni sul borgo toscano).

Acconsento al Trattamento dei miei dati Personali nel rispetto del reg. 2016/679/UE e dichiaro di avere letto l'informativa sulla Privacy
Accetto di ricevere informazioni in merito a promozioni, news ed eventi relativi a questo sito in conformità al nuovo reg. 2016/679/UE sulla Privacy.