RALPH LAUREN APRE THE BAR AT RALPH LAUREN A MILANO

Ralph Lauren apre la sua prima esperienza di hospitality in Italia con The Bar at Ralph Lauren nel nuovo flagship store milanese di Via della Spiga - una storica residenza, fedelmente restaurata. The Bar at Ralph Lauren offre un’esperienza americana unica con un tocco milanese.

Situato al piano terra, The Bar at Ralph Lauren è uno spazio caldo e intimo con un carattere di inizio secolo che si apre direttamente su un cortile interno con giardino. Rendendo omaggio allo stile di vita equestre a lungo sinonimo di Ralph Lauren, gli interni sono arredati con divanetti in cuoio, un bancone in marmo con dettagli in ottone lucidato a mano, eleganti pannelli in legno scuro e una curata collezione di dipinti e fotografie.

Sotto un pergolato coperto di viti, la zona pranzo del giardino è caratterizzata da pietra calcarea anticata, terracotta invecchiata e un lussureggiante paesaggio residenziale. Divanetti in ghisa e poltrone in vimini sono abbinati a tessuti e stoviglie vintage Ralph Lauren, creando un'atmosfera che richiama il calore e l'autenticità di una classica residenza familiare milanese.

The Bar rappresenta un’offerta unica a Milano di cucina americana ispirata ai piatti preferiti di Ralph Lauren, tra cui il classico hamburger e gli iconici mini lobster rolls. Cocktail d'autore come il Ridgway Margarita, il Manhattan o un Old-Fashioned completano il menu stagionale. Il bar sarà aperto tutto il giorno e servirà caffè e patisserie al mattino, un pranzo leggero e aperitivi.
Questa apertura estende il portfolio di hospitality di Ralph Lauren che comprende ristoranti a New York, Parigi e Chicago, nonché caffetterie situate in tutto il mondo.
 

Orari di apertura: Dalle 8:00 - 22:00

Claudio Zeni

Claudio Zeni, laureato in Letterature e Lingue straniere è nel mondo del giornalismo dall’età di 18 anni. Appassionato di sport, enogastronomia e turismo collabora con media locali, nazionali ed internazionali di settore. Tra i principali riconoscimenti giornalistici assegnatigli si ricorda il premio nazionale Gennaro Paone consegnatogli a Roma dal direttore generale dell’Enit, il I.o premio giornalistico nazionale ‘Strada del Vino del Recioto e di Gambellara’, il I.o premio ‘Primavera del prosecco’, 'Amici della Chianina', 'Premio Tarlati', 'Scandiano', 'Sant'Angelo in Vado, 'Apicio', 'La bisaccia del tartufaio', 'Burson'. Per quattro anni ha seguito l’Hong Kong Food Festival e per due ha coordinato la manifestazione nazionale Top of Golf finalizzata alla proclamazione del miglior ristorante della ‘Wine Tour Cup’ dell'Associazione 'Città del Vino'. Coordinatore della giuria e dei cuochi del concorso culinario ‘Tartufo d’oro’ di Gubbio’. Unitamente al Presidente dei Cuochi di Arezzo organizza il concorso 'Penne bruciate', giornalisti ai fornelli dove a vincere è il 'piatto peggiore'. Autore con Leone Cungi del libro ‘Sport e società a Monte San Savino (Un secolo di storia sportiva e tradizioni sul borgo toscano).

Acconsento al Trattamento dei miei dati Personali nel rispetto del reg. 2016/679/UE e dichiaro di avere letto l'informativa sulla Privacy
Accetto di ricevere informazioni in merito a promozioni, news ed eventi relativi a questo sito in conformità al nuovo reg. 2016/679/UE sulla Privacy.