PRIMA STELLA MICHELIN PER IL RISTORANTE L'ARIA GUIDATO DALLO CHEF VINCENZO GUARINO

L’elegante ristorante L'Aria del Mandarin Oriental, Lago di Como annuncia la prima stella Michelin a pochi mesi dall’apertura, posizionandosi come punto di riferimento per il fine dining d’eccellenza sul Lago di Como.

La guida, che ogni hanno raccoglie la selezionata lista delle eccellenze gastronomiche internazionali, ha incoronato lo staff del ristorante L˜Aria e dello Chef Vincenzo Guarino con l’ambita Stella Michelin, riconoscendo il talento, la creatività e il lavoro constante di ricerca e perfezionamento per offrire agli ospiti un’eccezionale esperienza gastronomica.

Immerso nel raffinato e rigoglioso parco botanico del Mandarin Oriental, Lago di Como,  il ristorante L˜Aria accoglie gli ospiti con un design moderno e un panorama mozzafiato. La cucina a vista permette ai commensali di osservare gli chef all’opera, mentre nella terrazza del ristorante si possono gustare pasti con una meravigliosa vista sul lago.

La cucina dell’Executive Chef Vincenzo Guarino testimonia un perfetto connubio di tradizione mediterranea e modernità, sviluppata grazie a fondamentali esperienze formative al fianco di famosi chef come Gualtiero Marchesi a Capri, Peter Wyss a Gstaad e Fredy Girardet a Crissier. Guarino non è nuovo ai giudici della Guida Michelin: sotto la sua guida altri ristoranti hanno conquistato la Stella, tra cui il ristorante L'Accanto, presso il Grand Hotel Angiolieri e il Ristorante Il Pievano nel Castello di Spaltenna. Ad oggi, Chef Guarino è l’Executive Chef del Mandarin Oriental, Lago di Como, dove racconta quotidianamente la sua idea di cucina creativa mediterránea sia al ristorante L˜ARIA, sia al CO.MO Bar & Bistrot, supportato da una brigata di talento sia in sala che in cucina.

“L’arrivo della prima stella Michelin è una grande conquista per me e la mia brigata, e premia il grande lavoro e la grande passione che ogni giorno portiamo avanti. Il nostro più grande desiderio è quello di raccontare ai nostri ospiti la varietà di gusti e colori della tradizione italiana, esaltandone allo stesso tempo le infinite potenzialità. Siamo immensamente grati a tutti coloro che credono nel nostro impegno, stimolandoci a fare sempre meglio ogni giorno”, ha commentato l’Executive Chef Vincenzo Guarino.

Gli hotel Mandarin Oriental vantano ristoranti eccellenti per qualità e innovazione gastronomica, apprezzati in tutto il mondo e già premiati dalla prestigiosa Guida Michelin per un totale, ad oggi, di 27 stelle Michelin nel 2019 distribuite nei ristoranti dei 32 hotel del Gruppo.

Claudio Zeni

Claudio Zeni, laureato in Letterature e Lingue straniere è nel mondo del giornalismo dall’età di 18 anni. Appassionato di sport, enogastronomia e turismo collabora con media locali, nazionali ed internazionali di settore. Tra i principali riconoscimenti giornalistici assegnatigli si ricorda il premio nazionale Gennaro Paone consegnatogli a Roma dal direttore generale dell’Enit, il I.o premio giornalistico nazionale ‘Strada del Vino del Recioto e di Gambellara’, il I.o premio ‘Primavera del prosecco’, 'Amici della Chianina', 'Premio Tarlati', 'Scandiano', 'Sant'Angelo in Vado, 'Apicio', 'La bisaccia del tartufaio', 'Burson'. Per quattro anni ha seguito l’Hong Kong Food Festival e per due ha coordinato la manifestazione nazionale Top of Golf finalizzata alla proclamazione del miglior ristorante della ‘Wine Tour Cup’ dell'Associazione 'Città del Vino'. Coordinatore della giuria e dei cuochi del concorso culinario ‘Tartufo d’oro’ di Gubbio’. Unitamente al Presidente dei Cuochi di Arezzo organizza il concorso 'Penne bruciate', giornalisti ai fornelli dove a vincere è il 'piatto peggiore'. Autore con Leone Cungi del libro ‘Sport e società a Monte San Savino (Un secolo di storia sportiva e tradizioni sul borgo toscano).

Acconsento al Trattamento dei miei dati Personali nel rispetto del reg. 2016/679/UE e dichiaro di avere letto l'informativa sulla Privacy
Accetto di ricevere informazioni in merito a promozioni, news ed eventi relativi a questo sito in conformità al nuovo reg. 2016/679/UE sulla Privacy.