Partita la stagione teatrale 2021 di Casa Shakespeare, la prima di Streaming Drama

Abbiamo rapito William Shakespeare

 

“Sta bene, è in buone mani. Solo avevamo altri programmi per lui”. Con questo slogan è stata presentata la terza edizione della rassegna teatrale di Casa Shakespeare in versione web dalla sede del teatro Satiro Off a Verona in quartiere Filippini. Quattrodici spettacoli di teatro online e live di cui sette riservati alle scuole. “Casa Shakespeare – spiega il presidente e direttore generale, l’attore professionista e regista Solimano Pontarollo – fondata, in onore del drammaturgo e poeta inglese, nel 2014 come associazione, diventa impresa sociale dopo tre anni. Il nostro modo di vivere, di comportarci, di reagire nascono dai grandi pensatori e scrittori che ci hanno preceduto nei secoli e tra questi Shakespeare, a livello teatrale perlomeno, è quello che ha avuto un’influenza importante non solo nella sua nazione ma quantomeno in tutta Europa. Verona ha il grande pregio di essere una città shakespeariana come il Veneto. Pensare che la nostra regione nel 1600 avesse così tanta importanza per Shakespeare è come assumersi la responsabilità di portare avanti qualcosa che ha raccontato lui 400 anni fa. Per questo ci siamo messi a lavorare sulle sue opere partendo dal nostro territorio proprio per essere una sorta di strumento di fertilizzante dello stesso. Shakespeare non è solo Giulietta e Romeo ma è tante altre cose. E’ anche un modo per essere un presidio culturale quale noi siamo nella nostra città che ci permette di lavorare per il territorio. Dato che nel nostro scopo sociale il principale non è fare teatro ma promuovere il territorio intendendo per promozione il benessere della persona fatto attraverso lo strumento che ci appartiene, fare teatro”.  Già a fine febbraio scorso c’è stata una chiamata alle arti da parte di tutti gli attori professionisti e giovani attori, con tutte le persone che girano attorno a questa realtà, che per prima in Italia ha sperimentato lo strumento dello streaming ottenendo un buon riscontro a livello nazionale. “Ringrazio innanzitutto gli artisti. Casa Shakespeare è sempre stata una casa aperta, ha accolto micro formazioni di teatro, danza, autori, attori che si sono riconosciuti in un luogo comune. L’idea è stata quella di una cosa che avviene spesso in teatro, utilizzare l’ostacolo come un’opportunità per un’altra visione. Quando abbiamo saputo del DPCM che limitava l’accesso al teatro lo abbiamo chiuso in maniera responsabile aprendo contemporaneamente un colloquio con i nostri artisti. Ci siamo chiesti: perché non andiamo a raccontare tutti assieme la storia di un’epidemia? Lo abbiamo fatto con il testo di Manzoniana memoria sul processo agli untori che, adattato da Renzo Gasparella, proposto da una dozzina di persone tra cui coreografo, musicista e un operatore video, in un modo che non esisteva, il teatro dal vivo online.” Novità di quest’anno Streaming Drama. “Nasce da tutte le sperimentazioni che abbiamo portato avanti da quel 28 febbraio. L’attore è interprete o anche operatore usando vari strumenti di ripresa. C’è un teatro virtuale, attualmente la piattaforma zoom, dove spettatore e attore sono in quel momento presenti e in questo modo si partecipa ad un’interpretazione dal vivo con la restituzione dell’immediato con la stessa emozione e adrenalina”. Iniziato il 28 scorso con “Merchant of Venice” riservato agli abbonati, il calendario proseguirà con altri 6 spettacoli cui il pubblico interessato potrà abbonarsi o acquistare i biglietti per singole serate; indicazioni sul sito di Casa Shakespeare. Il prossimo 11 febbraio in prossimità con il San Valentino è in programma “Romeo & Juliet”, il 25 febbraio “Il sogno del Teatro”, l’11 marzo “Othello” per chiudersi il 24-25-26 marzo con la trilogia Dante Connection, Inferno, Purgatorio e Paradiso che sarà il grande traguardo non solo della stagione ma anche dello Streaming Drama che nel frattempo è andato affinandosi sempre più. Un omaggio in apertura di primavera al nostro grande poeta. Gli spettacoli iniziano alle 19”.

Claudio Gasparini

Giornalista, iscritto all'O.d.G. Veneto dal 1988, collaboro anche con altre testate giornalistiche cartacee, on-line e radiofoniche. Coautore del libro "Eccomi... una storia d'amore con Dio" pubblicato nel 2015.
Cavaliere della Repubblica e dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme. Socio Lions, Officer e coordinatore della rivista distrettuale.

Indirizzo mail: az20news@gmail.com 

Goloso & curioso è un prezioso portale di riferimento nel mondo dell’enogastronomia. Ogni giorno vengono pubblicati articoli di viaggi nel gusto, racconti di eventi legati al mondo della ristorazione, informazioni su vacanze enogastronomiche, news e appuntamenti sul mondo del fashion, del lusso, del vino, del libro.
Ho ampliato l’orizzonte ad altri ambiti introducendo l’apprezzato “Angolo della poesia” dove sono pubblicati componimenti in italiano e in vernacolo inviati da tanti autori. Aggiungeremo dei “Bongiorno del mattino”, frasi e detti, testi in prosa.

Invito gli interessati a recapitare le loro opere esclusivamente in formato word via e-mail a: az20news@gmail.com. 

“Agorà”, il mercato ed il centro della vita di tutti i giorni nell’antica Atene, racconta fatti di vita quotidiana ed eventi vari.
Con le video interviste spazierò su più temi con il contributo di professionisti.
Parlerò di medicina, economia, finanza, diritto, arte, dialogando con specialisti in ambito medico, commercialisti, avvocati, notai, pittori, letterati, musicisti, scrittori.
Vi farò conoscere associazioni, imprenditrici ed imprenditori, artigiani, insegnanti, studenti e tante altre realtà nascoste.
Sarà uno spazio aperto ad argomenti dalla A alla Z.  
Le proposte vogliono essere molteplici e diversificate perché chi ci segue possa, sempre, trovare dei buoni motivi per continuare a farlo. 

Acconsento al Trattamento dei miei dati Personali nel rispetto del reg. 2016/679/UE e dichiaro di avere letto l'informativa sulla Privacy
Accetto di ricevere informazioni in merito a promozioni, news ed eventi relativi a questo sito in conformità al nuovo reg. 2016/679/UE sulla Privacy.