OSTERIA PLIP FESTEGGIA SAN VALENTINO CON IL LOVE BURGER

Da venerdì 7 febbraio Osteria Plip festeggia l’amore con un panino speciale dedicato agli innamorati: “Love Burger”, un panino tripudio di colori e di sapore.

«Abbiamo deciso di lasciare il menu libero, in maniera tale che ciascun commensale possa scegliere ciò che più gli piace in piena libertà – spiega Chef David Marchiori -, ma abbiamo inserito questo speciale burger dedicato ai colori, alla primavera dell’amore».

Il Burger (180 grammi di svizzera di chianina, brie, cetriolini, mayonese alla rosa, misticanza e fiori eduli) è stato pensato proprio in omaggio al giorno degli innamorati e sarà disponibile fino al 23 febbraio 2020.

L’Osteria Plip (in Via San Donà a Mestre) è ricavato dall'ex Centrale del Latte ed è un edificio industriale degli anni Trenta, con delle caratteristiche tipologiche oggi quasi uniche per un immobile inserito nel tessuto urbano: quasi 2000 metri quadri divisi in tre ambienti, uno stretto corpo centrale su due livelli affiancato da due grandi volumi a doppia altezza. Di questi, il più grande è alto oltre sette metri ed è caratterizzato da grandi travi reticolari, che coprono un unico ambiente lungo trenta metri e largo venti, completamente privo di appoggi a terra, le dimensioni di un piccolo hangar in centro città.

A livello progettuale il risultato comprende un mercato coperto, un ristorante, una pizzeria con 70 coperti, un food-lab e una gelateria. Questi spazi hanno una caratteristica comune: l'interscambiabilità dei ruoli, occasionalmente e in funzione degli eventi proposti, il mercato può diventare ristorante, l'auditorium può ospitare aree promozionali e di vendita. Il menu varia continuamente anche in seguito alle numerose conferenze e consulenze che lo Chef segue a livello nazionale. Il menu è ampio, ma ben ragionato. Tutti i piatti sono frutto della sperimentazione del vulcanico chef.
 

 

Claudio Zeni

Claudio Zeni, laureato in Letterature e Lingue straniere è nel mondo del giornalismo dall’età di 18 anni. Appassionato di sport, enogastronomia e turismo collabora con media locali, nazionali ed internazionali di settore. Tra i principali riconoscimenti giornalistici assegnatigli si ricorda il premio nazionale Gennaro Paone consegnatogli a Roma dal direttore generale dell’Enit, il I.o premio giornalistico nazionale ‘Strada del Vino del Recioto e di Gambellara’, il I.o premio ‘Primavera del prosecco’, 'Amici della Chianina', 'Premio Tarlati', 'Scandiano', 'Sant'Angelo in Vado, 'Apicio', 'La bisaccia del tartufaio', 'Burson'. Per quattro anni ha seguito l’Hong Kong Food Festival e per due ha coordinato la manifestazione nazionale Top of Golf finalizzata alla proclamazione del miglior ristorante della ‘Wine Tour Cup’ dell'Associazione 'Città del Vino'. Coordinatore della giuria e dei cuochi del concorso culinario ‘Tartufo d’oro’ di Gubbio’. Unitamente al Presidente dei Cuochi di Arezzo organizza il concorso 'Penne bruciate', giornalisti ai fornelli dove a vincere è il 'piatto peggiore'. Autore con Leone Cungi del libro ‘Sport e società a Monte San Savino (Un secolo di storia sportiva e tradizioni sul borgo toscano).

Acconsento al Trattamento dei miei dati Personali nel rispetto del reg. 2016/679/UE e dichiaro di avere letto l'informativa sulla Privacy
Accetto di ricevere informazioni in merito a promozioni, news ed eventi relativi a questo sito in conformità al nuovo reg. 2016/679/UE sulla Privacy.