NUOVO A BERGAMO ALTA, BUGAN COFFEE SHOP, VIETATO LO ZUCCHERO

Dopo il “Bugan Coffee Lab” di via Quarenghi 32, ecco che ha aperto da pochi giorni a Bergamo il “Bugan Coffee Shop”, a Bergamo Alta, in via Colleoni 18, la frequentatissima “Corsarola”. Protagonista di questo secondo covo per amanti del caffè estremo nella sua qualità è ancora lui, Maurizio Valli, 38 anni, quarto posto nel 2012 al Campionato italiano Baristi Caffetteria, docente autorizzato a diffondere la tecnica e la cultura del caffè attraverso l’associazione più famosa nel settore, la Sca (Speciality Coffee Association).

 

Dove prima era un negozio di abbigliamento, ha aperto un locale insolito, unico, non un bar-caffè comune ma un luogo per appassionati degustatori di caffè. «Basti pensare – anticipa Valli – che non si vede la solita macchina tradizionale per preparare un espresso, bensì una nuova tecnologia chiamata Modbar, prodotta dalla Marzocco di Firenze, leader per design ed innovazione delle macchine per caffè professionali. Il motore è nascosto sotto il bancone, da dove spuntano delle colonnine per il procedimento di estrazione, che il cliente può seguire dal vivo interagendo con l’operatore. Inoltre – e questa è la vera rivoluzione – nel mio shop non c’è lo zucchero, perché lo zucchero copre e modifica gli aromi del caffè di qualità».

Valli si conferma dunque paladino, profeta del buon caffè. Niente miscele ma solo caffè monorigine provenienti da tutti i Paesi più vocati, Panama e Etiopia per primi. Tre soltanto le ordinazioni che qui si potranno fare: l’espresso, il cappuccino e il caffè-filtro. Per chi lo vorrà ci saranno dei dolci studiati per un perfetto abbinamento con il caffè scelto. Una quindicina i posti a sedere. Possibilità di acquisto di caffè tostato in grani o in polvere. «In questi primi giorni di apertura – afferma Valli – abbiamo avuto positivi riscontri in particolare con la clientela straniera. Turisti ne passano molti in questa via e quelli del Nord Europa sono più abituati a questo tipo di degustazioni. Sono certo che la clientela italiana imparerà presto a degustare al meglio i miei caffè monorigine».

Il Bugan Coffee Lab di via Quarenghi continuerà nel suo lavoro di offerta di degustazioni ma si qualificherà sempre più come punto di riferimento dei giovani professionisti che vogliono addestrarsi per migliorare la loro preparazione dietro al bancone del bar, in particolare per la preparazione di espressi e cappuccini.

0 Commenti

Lascia un commento

Acconsento al Trattamento dei miei dati Personali nel rispetto del reg. 2016/679/UE e dichiaro di avere letto l'informativa sulla Privacy

Roberto Vitali

Laureato in Lettere alla “Cattolica” di Milano, ho cominciato durante l’università a scrivere per il quotidiano della mia città, “L’Eco di Bergamo”, al quale – pur essendo oggi in età di pensione – continuo a collaborare sia sul cartaceo che sul sito web. Sono stato addetto stampa di enti pubblici, direttore di Teleorobica, direttore-editore del mensile “Bergamo a Tavola” (1986-1990) poi trasformato in “Lombardia a Tavola” (1990-2002) e poi venduto (oggi vive ancora trasformato in "Italia a Tavola"). Mi sono sempre occupato, oltre che della cronaca bianca della mia città, di enogastronomia e viaggi. Ho collaborato alla Rai-Gr1, vinto premi giornalistici in tutta Italia e scritto qualche libretto, tra cui “La cucina bergamasca – Dizionario enciclopedico” e una Guida dei ristoranti di Bergamo città e provincia. Mi piace l’Italia e tutto quello che di buono e bello sa offrire. Spero, con i miei scritti, di continuare a farla amare da tanti altri lettori. 338.7125981

Acconsento al Trattamento dei miei dati Personali nel rispetto del reg. 2016/679/UE e dichiaro di avere letto l'informativa sulla Privacy
Accetto di ricevere informazioni in merito a promozioni, news ed eventi relativi a questo sito in conformità al nuovo reg. 2016/679/UE sulla Privacy.