NATALE IN DANIMARCA

In Danimarca, lo spirito del Natale (Jul) arriva molto prima del 25 dicembre. Nella terra della hygge, il Natale assume il suo pieno significato con tradizioni autentiche da vivere in famiglia. Per ogni danese che si rispetti, la magia del Natale è parte integrante della vita di tutti i giorni quando arriva l'inverno, e questa viene celebrata anche con piccoli gesti che sono fonte di grande felicità.

Hygge e candele - L'inverno in Danimarca è un periodo buio, dove la luce del giorno occupa solo poche ore, ma i danesi hanno mille risorse: innanzitutto le candele, un ingrediente fondamentale della hygge natalizia, tanto che i danesi accendono una candela dell’avvento al giorno per tutto il mese di dicembre. E nelle città, milioni di luci decorano le strade e valorizzano il contesto urbano, creando una magica atmosfera natalizia.

Al Tivoli naturalmente! - Avvolto in una miriade di luci scintillanti,  nel profumo di vin brulè (gløgg), cioccolata, cannella e pan di zenzero, il Parco Tivoli è un invito a immergersi nella magia del Natale danese, un vero paese delle meraviglie d’inverno. A Copenaghen è il luogo d'incontro per eccellenza, quasi un’istituzione per i danesi che amano perdersi nei suoi bellissimi giardini meravigliosamente addobbati per le feste.

Danze - La danza è una tradizione di ogni famiglia danese. Il 24 dicembre, tenendosi per mano si balla girando intorno all’albero di Natale e intonando canzoni natalizie prima di scartare i regali o, in alcune famiglie, prima di mettersi a tavola per la cena.

L’arrivo del Julemanden - In Danimarca Babbo Natale (Julemanden) è assistito da un gruppo di Nisser, una specie di elfi dispettosi. I regali dei bambini sono portati da Julemanden il 24 dicembre senza bisogno di camini o magie di mezzanotte: di solito uno zio, un papà o un nonno indossano il tradizionale vestito rosso.

Specialità - La gastronomia danese è particolarmente ricca a Natale. La tradizione vuole che non ci si alzi da tavola prima di un paio d’ore a base di maiale e anatra arrosto con patate bollite, cavolo rosso e salsa. Per dessert arriva poi il tradizionale Risalamande, un budino di riso con salsa alla ciliegia che nasconde una mandorla intera: il fortunato che la trova riceve un premio o un regalo in più.
Il giorno dopo, anche la colazione di Natale è un'istituzione. Un sontuoso buffet freddo viene preparato con piatti tipici danesi come aringhe, paté di fegato e pane di segale. Senza dimenticare la birra di Natale e la grappa!

Racconti - Le fiabe di Andersen, e una tazza di tè a portata di mano accanto al caminetto. Per chi conosce il mondo del famoso scrittore danese HC Andersen, il tema del Natale ritorna come una canzone dolce e malinconica in molti dei suoi racconti, "La piccola fiammiferaia", "L'albero di Natale" o "Il pupazzo di neve", ad esempio. Atmosfera natalizia garantita!

Idea di viaggio – Natale a Copenaghen! - Soggiorna al Villa Copenhagen, nuovo hotel di stile nel cuore della capitale, inaugurato lo scorso anno. Situato negli edifici storici centenari dell'ufficio postale, risalenti al 1912, questo nuovissimo hotel è stato accuratamente restaurato nel suo originale stile neobarocco. Gode di una posizione privilegiata nel cuore di Copenaghen, a metà tra il centro storico e il quartiere tendenza di Vesterbro. https://villacopenhagen.com/
Vola a Copenaghen da Roma Fiumicino con i nuovi voli diretti Singapore Airlines e goditi una fuga natalizia! https://www.singaporeair.com/it_IT/it/plan-travel/local-promotions/it-voli-Roma-Copenaghen/

Idea di viaggio – Natale a Aarhus!  - Soggiorna al BOOK1, l’ostello di design firmato Brøchner Hotels ricavato dagli edifici dell'ex biblioteca civica di Aarhus: un connubio perfetto tra albergo e ostello, che offre anche un mix di proposte gastronomiche interessanti, dalla pizza nordica allo “smørrebrød” danese, dal panificio alla deliziosa colazione bio. https://www.brochner-hotels.com/book1/
Aarhus è sempre più vicina! Vola da diverse città italiane grazie ai collegamenti Air Dolomiti via Monaco di Baviera, o con i nuovi voli diretti Ryanair da Milano Malpensa.

www.visitdenmark.it

Claudio Zeni

Claudio Zeni, laureato in Letterature e Lingue straniere è nel mondo del giornalismo dall’età di 18 anni. Appassionato di sport, enogastronomia e turismo collabora con media locali, nazionali ed internazionali di settore. Tra i principali riconoscimenti giornalistici assegnatigli si ricorda il premio nazionale Gennaro Paone consegnatogli a Roma dal direttore generale dell’Enit, il I.o premio giornalistico nazionale ‘Strada del Vino del Recioto e di Gambellara’, il I.o premio ‘Primavera del prosecco’, 'Amici della Chianina', 'Premio Tarlati', 'Scandiano', 'Sant'Angelo in Vado, 'Apicio', 'La bisaccia del tartufaio', 'Burson'. Per quattro anni ha seguito l’Hong Kong Food Festival e per due ha coordinato la manifestazione nazionale Top of Golf finalizzata alla proclamazione del miglior ristorante della ‘Wine Tour Cup’ dell'Associazione 'Città del Vino'. Coordinatore della giuria e dei cuochi del concorso culinario ‘Tartufo d’oro’ di Gubbio’. Unitamente al Presidente dei Cuochi di Arezzo organizza il concorso 'Penne bruciate', giornalisti ai fornelli dove a vincere è il 'piatto peggiore'. Autore con Leone Cungi del libro ‘Sport e società a Monte San Savino (Un secolo di storia sportiva e tradizioni sul borgo toscano).

Acconsento al Trattamento dei miei dati Personali nel rispetto del reg. 2016/679/UE e dichiaro di avere letto l'informativa sulla Privacy
Accetto di ricevere informazioni in merito a promozioni, news ed eventi relativi a questo sito in conformità al nuovo reg. 2016/679/UE sulla Privacy.