MOUGINS UNA CAPITALE DELL'ARTE DI VIVERE SULLA COTE

Se amate passeggiare nel verde, tre proposte speciali : un tour nella natura lungo il Canal de la Siagne, a pochi minuti dal centro del paese, uno scenario ideale per camminare, correre, meditare, respirare o semplicemente allontanarsi da tutto.
Passeggiata dolce o corsa dinamica all'Etang de Fontmerle, circondato da dodici ettari di verde, un luogo splendido che ospita una flora (straordinaria la collezione di fiori di loto!) e una fauna eccezionali.
Itinerari relax di tutti i livelli o percorsi sportivi, in mountain bike, a cavallo, nel Parc de la Valmasque, parco forestale di 561 ettari di natura intatta.

In fatto di cultura, grande novità il Centro di fotografia di Mougins che sarà inaugurato in luglio, la nuova eccellenza del villaggio: fotografia contemporanea, residenza per artisti, centro di documentazione, scambi internazionali: mostra inaugurale dedicata all'artista spagnola Isabelle Munoz. Mentre al Museo d'arte classica di Mougins (MACM) una collezione unica di arte antica greca, egizia e romana accanto a opere di artisti come Dufy, Sosno, Picasso, Chagall e Damian Hurst... Molte le mostre e le gallerie d’arte sparse per il villaggio: la mostra «Visiteurs inouïs »/Visitatori inattesi dello scultore italiano Davide Rivalta, enormi animali in bronzo disseminati per i vicoli (sino a fine di settembre 2021), e gli studi d’artista: i dipinti su vecchi tessuti di Alessandro Coralli, le tele colorate di Serge Renaudier, i gioielli d’arte di Sabine Aliénor, gli orsetti che popolano le opere di Nanou Herman…

Per una pausa gastronomica il ristorante La Place de Mougins con il famoso chef Denis Fétisson; Aux Trois Etages, cucina francese, verdure dell'orto, pane fatto in casa nel cuore del villaggio, Curry House, un ambiente autentico in cui l’indiano Shejan invita a un viaggio di sapori e aromi incredibili.

E per notti di charme Les Rosées, b&b in una tipica casa provenzale di 400 anni, decorata con tocchi di lusso contemporaneo e mobili antichi, una perfetta oasi romantica con giardino di essenze mediterranee e Le Manoir de l'Etang, fra muri di pietra secolari rivestiti d'edera che raccontano un lunga storia di ospitalità.

www.mougins-tourisme.fr

www.france.fr

Claudio Zeni

Claudio Zeni, laureato in Letterature e Lingue straniere è nel mondo del giornalismo dall’età di 18 anni. Appassionato di sport, enogastronomia e turismo collabora con media locali, nazionali ed internazionali di settore. Tra i principali riconoscimenti giornalistici assegnatigli si ricorda il premio nazionale Gennaro Paone consegnatogli a Roma dal direttore generale dell’Enit, il I.o premio giornalistico nazionale ‘Strada del Vino del Recioto e di Gambellara’, il I.o premio ‘Primavera del prosecco’, 'Amici della Chianina', 'Premio Tarlati', 'Scandiano', 'Sant'Angelo in Vado, 'Apicio', 'La bisaccia del tartufaio', 'Burson'. Per quattro anni ha seguito l’Hong Kong Food Festival e per due ha coordinato la manifestazione nazionale Top of Golf finalizzata alla proclamazione del miglior ristorante della ‘Wine Tour Cup’ dell'Associazione 'Città del Vino'. Coordinatore della giuria e dei cuochi del concorso culinario ‘Tartufo d’oro’ di Gubbio’. Unitamente al Presidente dei Cuochi di Arezzo organizza il concorso 'Penne bruciate', giornalisti ai fornelli dove a vincere è il 'piatto peggiore'. Autore con Leone Cungi del libro ‘Sport e società a Monte San Savino (Un secolo di storia sportiva e tradizioni sul borgo toscano).

Acconsento al Trattamento dei miei dati Personali nel rispetto del reg. 2016/679/UE e dichiaro di avere letto l'informativa sulla Privacy
Accetto di ricevere informazioni in merito a promozioni, news ed eventi relativi a questo sito in conformità al nuovo reg. 2016/679/UE sulla Privacy.