MANDARIN ORIENTAL LAGO DI COMO APRIRÀ IL 15 APRILE

Immerso in un lussureggiante giardino botanico e con una posizione privilegiata sulle rive soleggiate del Lario, Mandarin Oriental, Lago di Como accoglierà i suo primi ospiti il 15 aprile 2019.

Il rinomato interior designer Eric Egan ha curato un attento restyling che ha interessato le 21 camere, 52 suite e due ville private, oltre all’ottocentesca Villa Roccabruna, cuore del resort, e i ristoranti, creando un’atmosfera moderna ed elegante, dallo stile tipicamente italiano e dal sottile fascino orientale.

Il rigoglioso giardino botanico che circonda il resort ospita oltre 50 specie diverse di piante, alberi e fiori. Patrizia Pozzi, paesaggista italiana, ha scelto materiali e stili che rimandano agli originali elementi neoclassici della Villa e dei giardini, per regalare agli ospiti momenti di evasione e relax.

Sotto la supervisione dell’Executive Chef Vincenzo Guarino, i ristoranti e bar di Mandarin Oriental, Lago di Como offrono una proposta gastronomica basata su piatti della tradizione mediterranea, ispirati ai prodotti locali di stagione.

CO.MO Bar & Bistrot, con la sua grande terrazza con vista sul lago, è il luogo ideale per un pranzo, una cena o uno spuntino informale a qualsiasi ora della giornata e per assaporare i drink realizzati da esperti mixologist.

Il ristorante fine dining L˜ARIA si trova in un edifico fronte lago circondato dal parco, e ogni sera porta in tavola la cucina creativa mediterranea di Vincenzo Guarino.

La piscina del resort galleggia placidamente sulle acque del lago. Gli ospiti possono rilassarsi sui lettini a bordo piscina da metà mattina fino al tramonto, accompagnati dalle bevande rinfrescanti e gli snack serviti al Pool Bar.

The Spa at Mandarin Oriental, Lago di Como è, da sola, una destinazione di benessere per la quale varrebbe la pena il viaggio. Lasciandosi ispirare dal lago, la spa propone una serie di esperienze di benessere integrate al famoso approccio olistico per il quale Mandarin Oriental è conosciuto in tutto il mondo. La spaziosa struttura comprende una Thermal Area, due spa suite private, due cabine trattamenti, un beauty studio e un centro fitness Technogym® completamente attrezzato.

L’ambientazione romantica del lago, le maestose colline e gli splendidi giardini sono la scenografia ideale anche per matrimoni, feste ed eventi privati.

 

"Non vediamo l'ora di accogliere i nostri primi ospiti al Mandarin Oriental, Lago di Como. Il primo resort in Europa del Gruppo diventerà la destinazione ideale per viaggiatori in cerca di privacy, relax, splendidi panorami e cucina raffinata, il tutto supportato dal leggendario servizio di Mandarin Oriental”, ha dichiarato il General Manager Samuel Porreca.

Per gli ospiti che desiderino essere i primi a visitare il nuovo Mandarin Oriental, Lago di Como, il resort ha lanciato il pacchetto A new Lake Como Experience. A partire da 575 euro a notte, l'offerta include una colazione vista lago per due persone, un pranzo o cena di tre portate presso il CO.MO Bar & Bistrot, l'accesso giornaliero alla spa e uno sconto del 10% su tutti i trattamenti benessere.

Claudio Zeni

Claudio Zeni, laureato in Letterature e Lingue straniere è nel mondo del giornalismo dall’età di 18 anni. Appassionato di sport, enogastronomia e turismo collabora con media locali, nazionali ed internazionali di settore. Tra i principali riconoscimenti giornalistici assegnatigli si ricorda il premio nazionale Gennaro Paone consegnatogli a Roma dal direttore generale dell’Enit, il I.o premio giornalistico nazionale ‘Strada del Vino del Recioto e di Gambellara’, il I.o premio ‘Primavera del prosecco’, 'Amici della Chianina', 'Premio Tarlati', 'Scandiano', 'Sant'Angelo in Vado, 'Apicio', 'La bisaccia del tartufaio', 'Burson'. Per quattro anni ha seguito l’Hong Kong Food Festival e per due ha coordinato la manifestazione nazionale Top of Golf finalizzata alla proclamazione del miglior ristorante della ‘Wine Tour Cup’ dell'Associazione 'Città del Vino'. Coordinatore della giuria e dei cuochi del concorso culinario ‘Tartufo d’oro’ di Gubbio’. Unitamente al Presidente dei Cuochi di Arezzo organizza il concorso 'Penne bruciate', giornalisti ai fornelli dove a vincere è il 'piatto peggiore'. Autore con Leone Cungi del libro ‘Sport e società a Monte San Savino (Un secolo di storia sportiva e tradizioni sul borgo toscano).

Acconsento al Trattamento dei miei dati Personali nel rispetto del reg. 2016/679/UE e dichiaro di avere letto l'informativa sulla Privacy
Accetto di ricevere informazioni in merito a promozioni, news ed eventi relativi a questo sito in conformità al nuovo reg. 2016/679/UE sulla Privacy.