L’AIA IN FESTA

Tutto sulle galline! Quelle padovane con il ciuffo, ma anche quelle andine che fanno le uova blu. Quelle con le piume che le fanno assomigliare a un gatto e quelle bianche bordate di nero.

La Fattoria del Centro Verde Caravaggio propone un evento insolito e divertente: L’aia in festa. Fino al 14 luglio 2019 una mostra molto particolare, che vede protagoniste tantissime razze di galline ornamentali, con esemplari adulti, pulcini e uova. Obiettivo incentivare la produzione di uova domestiche, nella filosofia Km zero. E per chi vuole avvicinarsi a uno stile di vita più sostenibile un Green corner con prodotti ecologici e naturali per gli animali domestici e la possibilità di acquistare pollai da giardino.

Galline particolari, con origini lontane che suscitano spesso la curiosità di conoscere la loro storia. Per questo al Centro Verde, durante alcune giornate della manifestazione, esperti allevatori illustreranno ai visitatori le caratteristiche delle singole razze, la loro origine e le particolarità che le rendono uniche. E per chi volesse provare ad avere a casa delle galline ovaiole, per produrre direttamente delle uova genuine a Km zero, spiegheranno come gestire piccoli pollai da giardino.
 
L’evento rientra nel progetto voluto dal Centro Verde Caravaggio di avvicinare i propri visitatori alle tradizioni e ai prodotti dell’orto e della fattoria, nel rispetto di uno sviluppo sostenibile.
Per questo è stata realizzata una sorta di Fattoria con galline, oche, conigli, pecore, asini e con un orto dimostrativo, per avvicinare, soprattutto le giovani generazioni alla natura e alla terra e spiegare loro che ognuno, anche divertendosi, può contribuire, con piccoli gesti e maggiore attenzione, a un progetto di sviluppo sostenibile e dare il proprio valido e concreto contributo ad arginare il rischio del cambiamento climatico, rispettando le stagioni e i prodotti stagionali, sempre più sconosciuti al consumatore finale e privilegiando prodotti e produttori a Km zero. Sono stati pensati, come educazione alla modifica degli stili di consumo, per un modello più sostenibile, corsi e laboratori, mostre e attività didattiche.

Il rumore di cascate e ruscelli, il cinguettio degli uccelli: la natura entra in casa e avvicina sempre di più a uno stile di vita sostenibile con il Green Corner del Centro Verde Caravaggio. Uno spazio dedicato al Pet con prodotti naturali, sostenibili, ecologici, perché anche con piccole cose che si usano tutti i giorni si può difendere il benessere del pianeta in cui viviamo. Ecco allora un Green corner con giochi e accessori per cani, realizzati in lattice naturale, ricavato dalla linfa dell’albero Hevea Brasilensi, l’albero della gomma, che se dispersi nell’ambiente sono biodegradabili, ma anche ciotole in fibra di bambù, ecologiche e naturali e cuscini per cani e gatti realizzati partendo dalle bottiglie di plastica riciclate, trasformate in fibre e poi assemblate in tessuti. Anche la sabbia per gatto viene realizzata con prodotti biodegradabili come carta, mais, orzo, e perfino tofu, mentre trasportini e toilette per cani e gatti vengono prodotti con almeno il 70% di plastica riciclata.

Tutte le novità Centro Verde Caravaggio si trovano sul sito www.centroverde.com.

 

Claudio Zeni

Claudio Zeni, laureato in Letterature e Lingue straniere è nel mondo del giornalismo dall’età di 18 anni. Appassionato di sport, enogastronomia e turismo collabora con media locali, nazionali ed internazionali di settore. Tra i principali riconoscimenti giornalistici assegnatigli si ricorda il premio nazionale Gennaro Paone consegnatogli a Roma dal direttore generale dell’Enit, il I.o premio giornalistico nazionale ‘Strada del Vino del Recioto e di Gambellara’, il I.o premio ‘Primavera del prosecco’, 'Amici della Chianina', 'Premio Tarlati', 'Scandiano', 'Sant'Angelo in Vado, 'Apicio', 'La bisaccia del tartufaio', 'Burson'. Per quattro anni ha seguito l’Hong Kong Food Festival e per due ha coordinato la manifestazione nazionale Top of Golf finalizzata alla proclamazione del miglior ristorante della ‘Wine Tour Cup’ dell'Associazione 'Città del Vino'. Coordinatore della giuria e dei cuochi del concorso culinario ‘Tartufo d’oro’ di Gubbio’. Unitamente al Presidente dei Cuochi di Arezzo organizza il concorso 'Penne bruciate', giornalisti ai fornelli dove a vincere è il 'piatto peggiore'. Autore con Leone Cungi del libro ‘Sport e società a Monte San Savino (Un secolo di storia sportiva e tradizioni sul borgo toscano).

Acconsento al Trattamento dei miei dati Personali nel rispetto del reg. 2016/679/UE e dichiaro di avere letto l'informativa sulla Privacy
Accetto di ricevere informazioni in merito a promozioni, news ed eventi relativi a questo sito in conformità al nuovo reg. 2016/679/UE sulla Privacy.