LA COSTA AZZURRA IN MODO DIVERSO

Lasciatevi sorprendere, cambiate scenario, incontrate nuove persone, sperimentate cose nuove e prendetevi il tempo per viaggiare in modo diverso. Che siate sportivi, in cerca di nuove esperienze o semplicemente contemplativi in cerca di autenticità, la Costa Azzurra ha tutto da offrirvi.

Dalle rocce rosse dell’Esterel, atmosfera da Grand Canyon, alle acque cristalline dei calanchi, le gole e le isole della Costa Azzurra, senza dimenticare i fiumi e le cime del Parco Nazionale del Mercantour, il paesaggio della Costa Azzurra è uno scenario meraviglioso per esperienze naturali esotiche e indimenticabili che delizieranno i vostri sensi.

Idee week-end slow - A piedi o in bicicletta, a cavallo o anche a bordo di un treno a vapore, scoprite la regione al ritmo della mobilità dolce. Attraversate le montagne e le valli, salite in cima ai villaggi arroccati come balconi sul Mediterraneo, scoprite la fauna e la flora e i produttori e artigiani locali che condivideranno con voi i loro segreti e le loro conoscenze ancestrali. (ri) Scoprite la Strada della Mimosa che si estende su 130 km da Bormes-les-Mimosas a Grasse. Consigliato da gennaio a marzo, questo itinerario è il simbolo di una Costa Azzurra invernale che offre, in un clima mite, una sorta di vacanza itinerante tra blu mare e giallo sole.
Dormite in posti insoliti per notti straordinarie... Capanne arroccate a Saint-Martin Vésubie, ecolodges nel mezzo di una riserva naturale a Thorenc, «bolle» trasparenti per osservare le stelle a Gourdon o Beuil, non avete che l’imbarazzo della scelta!

Novità & Scoperte green - In cerca di nuove emozioni? Che siate escursionisti o semplicemente alla ricerca di ampi spazi aperti, le  valli sono pronte ad accoglierti in sicurezza questo inverno. Infatti, dalle stazioni del Mercantour di Valberg, Isola 2000 e Auron, alle stazioni più intime di Roubion o La Colmiane, la Costa Azzurra è ideale per le persone contemplative, in cerca di evasione e di aria pura con le racchette da neve, le arrampicate sul ghiaccio, la costruzione di igloo.

www.cotedazurfrance.fr

www.france.fr

Claudio Zeni

Claudio Zeni, laureato in Letterature e Lingue straniere è nel mondo del giornalismo dall’età di 18 anni. Appassionato di sport, enogastronomia e turismo collabora con media locali, nazionali ed internazionali di settore. Tra i principali riconoscimenti giornalistici assegnatigli si ricorda il premio nazionale Gennaro Paone consegnatogli a Roma dal direttore generale dell’Enit, il I.o premio giornalistico nazionale ‘Strada del Vino del Recioto e di Gambellara’, il I.o premio ‘Primavera del prosecco’, 'Amici della Chianina', 'Premio Tarlati', 'Scandiano', 'Sant'Angelo in Vado, 'Apicio', 'La bisaccia del tartufaio', 'Burson'. Per quattro anni ha seguito l’Hong Kong Food Festival e per due ha coordinato la manifestazione nazionale Top of Golf finalizzata alla proclamazione del miglior ristorante della ‘Wine Tour Cup’ dell'Associazione 'Città del Vino'. Coordinatore della giuria e dei cuochi del concorso culinario ‘Tartufo d’oro’ di Gubbio’. Unitamente al Presidente dei Cuochi di Arezzo organizza il concorso 'Penne bruciate', giornalisti ai fornelli dove a vincere è il 'piatto peggiore'. Autore con Leone Cungi del libro ‘Sport e società a Monte San Savino (Un secolo di storia sportiva e tradizioni sul borgo toscano).

Acconsento al Trattamento dei miei dati Personali nel rispetto del reg. 2016/679/UE e dichiaro di avere letto l'informativa sulla Privacy
Accetto di ricevere informazioni in merito a promozioni, news ed eventi relativi a questo sito in conformità al nuovo reg. 2016/679/UE sulla Privacy.