KEBHOUZE APRE A ROMA

Dopo aver aperto punti vendita in tutta Italia - e a Ibiza - la catena di kebab made in Italy apre oggi il suo terzo punto vendita nella Capitale. Il nuovo store di Kebhouze è all’interno del Centro commerciale Porta di Roma, uno dei centri commerciali più rinomati di tutta Italia nel quadrante nord della città.
 
Con quella a Roma, Kebhouze conta già 17 aperture in ben 8 città diverse in nemmeno un anno. L’idea dietro la catena è chiara: “Con Kebhouze intendiamo creare per il kebab un punto di riferimento per clienti in termini di qualità e affidabilità, grazie allo sviluppo della prima catena con un marchio riconosciuto nel mondo del kebab - ha dichiarato Oliver Zon, uno dei fondatori della catena - il kebab di Kebhouze è stato concepito proprio con la prospettiva di rendere questo tipo di street food una scelta quotidiana per tutti i tipi di persona e di palato. Ci siamo resi conto che nei nostri locali si siedono le une accanto alle altre persone in giacca e cravatta in pausa pranzo dall’ufficio, ragazzi, famiglie, studenti e anche persone più adulte”

Già dal suo nome, il proposito di Kebhouze è chiaro: con la Z che strizza l’occhio alla generazione Z ma non solo, l’ampia scelta in menù posiziona la catena come una vera e propria “casa del kebab”. Infatti, a differenza della grande maggioranza dei kebab store, da Kebhouze il cliente può scegliere tra ben 4 tipi diversi di kebab: kebab di pollo italiano e certificato Halal per permettere anche alla clientela di fede musulmana di provarlo; kebab di black angus irlandese, una novità assoluta nel mondo del kebab, per un’esperienza di vera carne di manzo con taglio di qualità; kebab di vitello e tacchino italiano, certificato Halal, per un sapore più simile a quello della tradizione; kebab Planted completamente vegetale, a base di proteine di piselli ma con il sapore e la consistenza del vero pollo, ideale per vegani, vegetariani e curiosi.

Oltre a essere servito nella classica piadina, da Kebhouze è possibile gustare la carne kebab nella versione Burger o nella versione Bowl a base riso o insalata.

Una sezione a parte è dedicata al pollo fritto, in versione nuggets di pollo o vegani, e alle patatine fritte e onion rings. Non mancano i dolci, con pancake e Nutella bun.

Nel frattempo Kebhouze continua a spopolare sui social, dove sono già collegati oltre 110.000 follower tra Instagram e TikTok. A fare da padrone di casa sui canali digitali, e non solo, è proprio Keb, la mascotte di Kebhouze che ogni giorno utilizza gli account aziendali come fossero i propri, facendo immergere i follower nella sua quotidianità di vita imprenditoriale e non solo. Keb che, tra l’altro, è atteso di persona sabato 19 novembre all’inaugurazione di Porta di Roma.

Oltre al servizio in store o take away, Kebhouze è presente su tutte le piattaforme di delivery per la consegna a domicilio come Glovo, Deliveroo, Just Eat e Uber Eats.

www.kebhouze.com

Claudio Zeni

Claudio Zeni, laureato in Letterature e Lingue straniere è nel mondo del giornalismo dall’età di 18 anni. Appassionato di sport, enogastronomia e turismo collabora con media locali, nazionali ed internazionali di settore. Tra i principali riconoscimenti giornalistici assegnatigli si ricorda il premio nazionale Gennaro Paone consegnatogli a Roma dal direttore generale dell’Enit, il I.o premio giornalistico nazionale ‘Strada del Vino del Recioto e di Gambellara’, il I.o premio ‘Primavera del prosecco’, 'Amici della Chianina', 'Premio Tarlati', 'Scandiano', 'Sant'Angelo in Vado, 'Apicio', 'La bisaccia del tartufaio', 'Burson'. Per quattro anni ha seguito l’Hong Kong Food Festival e per due ha coordinato la manifestazione nazionale Top of Golf finalizzata alla proclamazione del miglior ristorante della ‘Wine Tour Cup’ dell'Associazione 'Città del Vino'. Coordinatore della giuria e dei cuochi del concorso culinario ‘Tartufo d’oro’ di Gubbio’. Unitamente al Presidente dei Cuochi di Arezzo organizza il concorso 'Penne bruciate', giornalisti ai fornelli dove a vincere è il 'piatto peggiore'. Autore con Leone Cungi del libro ‘Sport e società a Monte San Savino (Un secolo di storia sportiva e tradizioni sul borgo toscano).

Acconsento al Trattamento dei miei dati Personali nel rispetto del reg. 2016/679/UE e dichiaro di avere letto l'informativa sulla Privacy
Accetto di ricevere informazioni in merito a promozioni, news ed eventi relativi a questo sito in conformità al nuovo reg. 2016/679/UE sulla Privacy.