IN VETTA CON LE GRAPPE PISONI

Le incantevoli cime delle Dolomiti di Brenta che fanno da cornice alla Valle dei Laghi (TN), sono raggiungibili a piedi ma anche con moderni impianti di risalita. Sono montagne ricche di splendidi rifugi che costituiscono l’approdo a fine escursione. Tra le baite in quota alcune sono particolarmente accoglienti, tutte sono un crocevia d’incontri tra persone di diverse nazionalità e la sosta vale sempre la pena.

Posizionate sempre in punti strategici, dalle baite-rifugio si può godere di panorami mozzafiato e di tramonti indimenticabili ma anche di buona cucina e di prodotti del territorio come le Grappe Pisoni alle Erbe, Invecchiate e Monovitigno e tutte proposte in alcuni tra i più bei rifugi del trentino.

Da Tobià del Giagher, posto a 2158 m slm si trova ad Alba di Canazei, nella Conca del Ciampac, un tempo circo glaciale e ora punto panoramico dal quale ammirare il Gruppo Sella, il Colac e la Crepa Neigra; oppure alla Baita Cuz a 2.200 m s.l.m., in Val di Fassa splendido rifugio nel quale poter degustare la tipica cucina ladina rapiti da una incredibile vista della Valle e delle montagne che la circondano; ed ancora al Rifugio Solander immerso nella Val di Sole, all’interno del Parco Nazionale dello Stelvio, a 2.045 m s.l.m.
Raggiungibile in cabinovia, offre un panorama incomparabile sul Sasso Rosso, il Grosté e il Gruppo del Cevedale. Le grappe Pisoni si possono degustare anche al Rifugio Scoiattolo, anch’esso all’interno del Parco Nazionale dello Stelvio, ai piedi del Monte Vioz a 2.000 m s.l.m. e, infine al Rifugio Tre Larici, nello stesso incantevole luogo, idealmente immerso in uno dei paesaggi più interessanti della zona.
Tra le Grappe Invecchiate che si possono gustare nei rifugi “in vetta”: Grappa Clessidra 10 anni, Grappa Stravecchia, Grappa Barricata Amarone, Grappa Moscato, Grappa Barricata Gewürztraminer, Grappa Barricata Teroldego; tra le Monovitigno Grappa Moscato, Grappa Nosiola, Grappa Chardonnay, Grappa Müller Thurgau, Grappa Marzemino, Grappa Teroldego, Grappa Gewürztraminer ed, infine, le Grappe alle Erbe: Grappamara, Grappa Asperula, Grappa Ruta, Grappa Ginepro, Grappa Mugo, Grappa Genziana, Grappa Mirtillo.
Certificate dall’Istituto di Tutela Grappa del Trentino e insignite del prestigioso Tridente. Ognuna con le sue peculiari caratteristiche, le Grappe Pisoni sono il risultato del sapiente lavoro del Mastro Distillatore che lavora le migliori vinacce trentine in alambicchi storici, realizzati ad inizio secolo scorso dal mastro ramaio Tullio Zadra.
Pisoni è una storica distilleria e cantina di Pergolese (Trento), conosciuta nel mondo per la sua produzione di Grappe e Trentodoc. L’azienda si trova nella Valle dei Laghi, zona particolarmente vocata alla produzione di vini e distillati, tra bellissime vette, mitigate dal vicino Lago di Garda. Le condizioni climatiche, l’altitudine dei vigneti, situati tra i 300 e i 500 m s.l.m., e la vicinanza a tesori naturali come i laghi e le splendide vette montane, permettono l’alternarsi di forti escursioni termiche che conferiscono all’uva freschezza e acidità per le quali le Grappe e il Trentodoc Pisoni sono riconosciuti.
https://www.pisoni.it
https://www.facebook.com/PisoniGrappeETrentoDoc/
https://www.instagram.com/pisoni_grappe_e_spumanti/

 

Claudio Zeni

Claudio Zeni, laureato in Letterature e Lingue straniere è nel mondo del giornalismo dall’età di 18 anni. Appassionato di sport, enogastronomia e turismo collabora con media locali, nazionali ed internazionali di settore. Tra i principali riconoscimenti giornalistici assegnatigli si ricorda il premio nazionale Gennaro Paone consegnatogli a Roma dal direttore generale dell’Enit, il I.o premio giornalistico nazionale ‘Strada del Vino del Recioto e di Gambellara’, il I.o premio ‘Primavera del prosecco’, 'Amici della Chianina', 'Premio Tarlati', 'Scandiano', 'Sant'Angelo in Vado, 'Apicio', 'La bisaccia del tartufaio', 'Burson'. Per quattro anni ha seguito l’Hong Kong Food Festival e per due ha coordinato la manifestazione nazionale Top of Golf finalizzata alla proclamazione del miglior ristorante della ‘Wine Tour Cup’ dell'Associazione 'Città del Vino'. Coordinatore della giuria e dei cuochi del concorso culinario ‘Tartufo d’oro’ di Gubbio’. Unitamente al Presidente dei Cuochi di Arezzo organizza il concorso 'Penne bruciate', giornalisti ai fornelli dove a vincere è il 'piatto peggiore'. Autore con Leone Cungi del libro ‘Sport e società a Monte San Savino (Un secolo di storia sportiva e tradizioni sul borgo toscano).

Acconsento al Trattamento dei miei dati Personali nel rispetto del reg. 2016/679/UE e dichiaro di avere letto l'informativa sulla Privacy
Accetto di ricevere informazioni in merito a promozioni, news ed eventi relativi a questo sito in conformità al nuovo reg. 2016/679/UE sulla Privacy.