IL CONSORZIO DOC DELLE VENEZIE A MOSCA E SAN PIETROBURGO

Il Consorzio Vini DOC delle Venezie parteciperà per la prima volta al tour Solo Italiano, in programma 17 e 19 giugno prossimi, rispettivamente a Mosca e San Pietroburgo; due giornate b2b e un tasting per incontrare i più importanti professionisti russi del settore nel corso di questo evento esclusivo riservato ai migliori produttori d’Italia.

Forte della sua identità di territorio e consapevole di rappresentare un’importante denominazione, il Consorzio presenterà lunedì 17 presso l’Hotel Lotte di Mosca la masterclass “Delle Venezie, Pinot grigio Stile Italiano”, guidata dal giornalista Denis Roudenko, con l’obiettivo di raccontare e far conoscere più da vicino lo “Stile Italiano” del Pinot grigio DOC delle Venezie come patrimonio da promuovere.

Durante queste giornate il Consorzio sarà anche protagonista di due walk around tasting previsti lunedì 17 a Mosca presso l’Hotel Lotte e mercoledì 19 a San Pietroburgo presso il Sokos Hotel Palace Bridge, dove si potranno degustare le oltre 80 etichette dell’annata 2018. Ogni bottiglia sarà dotata di specifico QR code che permetterà di scaricare la scheda tecnica.

Solo Italiano, l’edizione di Simply Italian Great Wines dedicato alla Russia è un successo che si rinnova, anche in anni segnati dalla crisi del mercato, come il 2017, in cui la Russia ha saputo dare i primi concreti segnali di ripresa. Il trend delle importazioni segna ad oggi un dato positivo, con incrementi a doppia cifra sia in valore (+33,1%) che in quantità (+12,2%): 880 milioni di euro per 4,47 milioni di ettolitri. L’Italia domina la classifica dei partner commerciali della Russia, rappresentando quasi il 29% delle importazioni enoiche: 255 milioni di euro per 816 mila ettolitri, rispettivamente +34,9% e +34% (seguono a distanza, e con percentuali di crescita inferiore, Francia e Spagna).

La partecipazione del Consorzio al Tour rappresenta dunque un’opportunità strategica per raccontare e promuovere il Pinot grigio Stile Italiano a un mercato come quello russo, da sempre molto attento alla qualità delle etichette Made in Italy.

 

 

Claudio Zeni

Claudio Zeni, laureato in Letterature e Lingue straniere è nel mondo del giornalismo dall’età di 18 anni. Appassionato di sport, enogastronomia e turismo collabora con media locali, nazionali ed internazionali di settore. Tra i principali riconoscimenti giornalistici assegnatigli si ricorda il premio nazionale Gennaro Paone consegnatogli a Roma dal direttore generale dell’Enit, il I.o premio giornalistico nazionale ‘Strada del Vino del Recioto e di Gambellara’, il I.o premio ‘Primavera del prosecco’, 'Amici della Chianina', 'Premio Tarlati', 'Scandiano', 'Sant'Angelo in Vado, 'Apicio', 'La bisaccia del tartufaio', 'Burson'. Per quattro anni ha seguito l’Hong Kong Food Festival e per due ha coordinato la manifestazione nazionale Top of Golf finalizzata alla proclamazione del miglior ristorante della ‘Wine Tour Cup’ dell'Associazione 'Città del Vino'. Coordinatore della giuria e dei cuochi del concorso culinario ‘Tartufo d’oro’ di Gubbio’. Unitamente al Presidente dei Cuochi di Arezzo organizza il concorso 'Penne bruciate', giornalisti ai fornelli dove a vincere è il 'piatto peggiore'. Autore con Leone Cungi del libro ‘Sport e società a Monte San Savino (Un secolo di storia sportiva e tradizioni sul borgo toscano).

Acconsento al Trattamento dei miei dati Personali nel rispetto del reg. 2016/679/UE e dichiaro di avere letto l'informativa sulla Privacy
Accetto di ricevere informazioni in merito a promozioni, news ed eventi relativi a questo sito in conformità al nuovo reg. 2016/679/UE sulla Privacy.