IL CANTON TICINO IN INVERNO

Al mattino una partita di golf e nel pomeriggio un’escursione con le racchette da neve? In Ticino tutto questo è possibile. L’interazione di questi contrasti della natura, sole e ghiaccio, si vive solo nel Cantone che può vantare l’unico inverno mediterraneo della Svizzera. In questa stagione il Ticino offre una gamma di diverse opportunità destinata a intrattenere anche i visitatori più esigenti. Le sponde del Lago Maggiore e del Lago di Lugano vi invitano infine per un cappuccino in Piazza con vista sul lago e sulle montagne innevate che creano un contrasto con le palme e le camelie in fiore.

Escursione con le racchette da neve, al chiaro di luna - In cinque minuti la funivia, ideata dal famoso architetto Mario Botta, porta i passeggeri sulla Cardada. La montagna di Locarno, alta 1.340 metri, è forse il luogo più soleggiato in Svizzera. Con un equipaggiamento minimo e senza particolari conoscenze tecniche, potete visitare questo paesaggio da fiaba, ricoperto in inverno da un manto bianco, anche con le racchette da neve. Durante la gita di circa un’ora sull’Alpe Cardada, adatta anche ai principianti, si può fare una sosta alla Capanna Cardada, gestita da Theo Wittmann, ex giocatore professionista di hockey su ghiaccio. www.cardada.ch - www.cardada.ch

Trekking con i lama in inverno - In Ticino si può fare un’escursione con i lama anche in inverno. Il punto di partenza di questa speciale gita, disponibile da ottobre a maggio, è Losone-Arcegno. Da qui l’organizzazione Lamatrekking Ticino inizia le escursioni di mezza giornata o di una giornata, o anche trekking di due o più giorni, accompagnati dai loro sette lama. Grazie al carattere ludico di questa attività i bambini vi partecipano con entusiasmo. www.lamatrekkingticino.ch

Telemarkada nella Valle di Blenio – vivere le origini dello sci - Al raduno Telemarkada, nella Valle di Blenio, si incontrano tutti gli anni gli appassionati di sci di tutta la Svizzera e da oltre confine. La tecnica dello sci Telemark, originaria della Norvegia, si è diffusa negli ultimi anni anche in Svizzera. Una sorpresa annunciata, infatti questo sport invernale è entusiasmante e ideale per le persone che amano muoversi nella natura e dispongono di una discreta forza, resistenza, capacità di coordinazione ed equilibrio. Il fine settimana dedicato al Telemark al Nara, che si svolgerà dal 7 all’8 marzo 2020 e giungerà alla sua 17a edizione, inizia il sabato con una corsa nostalgica, in cui i telemarker indosseranno l’abbigliamento norvegese storico, comprese le donne con la gonna e con i classici sci e bastoni di legno, scendendo lungo la pista con il loro inconfondibile affondo.  www.ssnara.ch

Aperitivo invernale nella botte di legno - La stazione sciistica di Campo Blenio, con i suoi otto chilometri di piste e tre impianti, è particolarmente adatta per le famiglie e per i principianti degli sci e dello snowboard. Per chi ama le escursioni invernali, ci sono sentieri ben marcati per passeggiare a piedi e con le racchette da neve, incontrando persino caprioli, lepri o scoiattoli. Per chi desidera coronare questa esperienza nella natura con un finale indimenticabile, è possibile abbinare l’escursione con le racchette da neve con un aperitivo in tinozza ed infine una cena nel Ristorante Fopp Zott. www.campoblenio.ch

 

 

Claudio Zeni

Claudio Zeni, laureato in Letterature e Lingue straniere è nel mondo del giornalismo dall’età di 18 anni. Appassionato di sport, enogastronomia e turismo collabora con media locali, nazionali ed internazionali di settore. Tra i principali riconoscimenti giornalistici assegnatigli si ricorda il premio nazionale Gennaro Paone consegnatogli a Roma dal direttore generale dell’Enit, il I.o premio giornalistico nazionale ‘Strada del Vino del Recioto e di Gambellara’, il I.o premio ‘Primavera del prosecco’, 'Amici della Chianina', 'Premio Tarlati', 'Scandiano', 'Sant'Angelo in Vado, 'Apicio', 'La bisaccia del tartufaio', 'Burson'. Per quattro anni ha seguito l’Hong Kong Food Festival e per due ha coordinato la manifestazione nazionale Top of Golf finalizzata alla proclamazione del miglior ristorante della ‘Wine Tour Cup’ dell'Associazione 'Città del Vino'. Coordinatore della giuria e dei cuochi del concorso culinario ‘Tartufo d’oro’ di Gubbio’. Unitamente al Presidente dei Cuochi di Arezzo organizza il concorso 'Penne bruciate', giornalisti ai fornelli dove a vincere è il 'piatto peggiore'. Autore con Leone Cungi del libro ‘Sport e società a Monte San Savino (Un secolo di storia sportiva e tradizioni sul borgo toscano).

Acconsento al Trattamento dei miei dati Personali nel rispetto del reg. 2016/679/UE e dichiaro di avere letto l'informativa sulla Privacy
Accetto di ricevere informazioni in merito a promozioni, news ed eventi relativi a questo sito in conformità al nuovo reg. 2016/679/UE sulla Privacy.