HOTEL MILANO SCALA È PARTE DELLA PRESTIGIOSA NATIONAL GEOGRAPHIC TRAVELLER “EARTH COLLECTION”

L’attenzione all’ambiente in ambito turistico sta crescendo. Chi viaggia si informa sempre di più sull’impatto che una struttura turistica ha e spesso sceglie proprio in base a chi ha fatto scelte più “green”. La sostenibilità ambientale è proprio il focus attorno al quale nasce e si concentra il progetto dell’Hotel Milano Scala, situato in via dell’Orso, nel cuore di Brera.
 Sin dall’apertura l’hotel adotta politiche green di ogni tipo, ma due di queste hanno fatto la differenza: è la prima struttura in città a “emissioni zero”, poiché tutta l’energia consumata in hotel viene prodotta senza rilasciare gas nell’ambiente (attraverso l’utilizzo delle pompe di calore). Inoltre, dal 2019 anche l’inquinamento dell’aria indoor è ridotto di più dell’80% grazie ad un nuovo sistema di filtrazione, capace di rendere ottima la qualità dell’aria all’intero dell’hotel. Un sistema innovativo che potrebbe essere utilizzato in ogni edificio migliorando notevolmente la salute di chi ci vive.

Per questi motivi è stato scelto, da UK National Geographic Traveller per far parte dell’edizione speciale della sua Earth Collection, guida che raccoglie le 36 strutture alberghiere (sono solo 8 quelle europee) più attente all’ambiente a livello mondiale.

Hotel Milano Scala è una di queste straordinarie strutture. Recentemente, al suo interno è nato DO7 Eco Club House: club esclusivo e green-oriented dove creare sinergie di business. Un concept che coniuga lavoro e piacere in uno stesso spazio.

Vittorio Modena, amministratore della società, ha così commentato questo prestigioso riconoscimento “L’ecosostenibilità è una vision che permea tutti gli aspetti aziendali e a cui i dipendenti partecipano attivamente con le loro idee. Le persone devono essere considerate come parte dell’ambiente: la salute degli ospiti e dei lavoratori fa parte integrante del concetto ‘green’”.

www.hotelmilanoscala.it/ –  www.do7.eco

 

Claudio Zeni

Claudio Zeni, laureato in Letterature e Lingue straniere è nel mondo del giornalismo dall’età di 18 anni. Appassionato di sport, enogastronomia e turismo collabora con media locali, nazionali ed internazionali di settore. Tra i principali riconoscimenti giornalistici assegnatigli si ricorda il premio nazionale Gennaro Paone consegnatogli a Roma dal direttore generale dell’Enit, il I.o premio giornalistico nazionale ‘Strada del Vino del Recioto e di Gambellara’, il I.o premio ‘Primavera del prosecco’, 'Amici della Chianina', 'Premio Tarlati', 'Scandiano', 'Sant'Angelo in Vado, 'Apicio', 'La bisaccia del tartufaio', 'Burson'. Per quattro anni ha seguito l’Hong Kong Food Festival e per due ha coordinato la manifestazione nazionale Top of Golf finalizzata alla proclamazione del miglior ristorante della ‘Wine Tour Cup’ dell'Associazione 'Città del Vino'. Coordinatore della giuria e dei cuochi del concorso culinario ‘Tartufo d’oro’ di Gubbio’. Unitamente al Presidente dei Cuochi di Arezzo organizza il concorso 'Penne bruciate', giornalisti ai fornelli dove a vincere è il 'piatto peggiore'. Autore con Leone Cungi del libro ‘Sport e società a Monte San Savino (Un secolo di storia sportiva e tradizioni sul borgo toscano).

Acconsento al Trattamento dei miei dati Personali nel rispetto del reg. 2016/679/UE e dichiaro di avere letto l'informativa sulla Privacy
Accetto di ricevere informazioni in merito a promozioni, news ed eventi relativi a questo sito in conformità al nuovo reg. 2016/679/UE sulla Privacy.