GOLA GOLA FOOD AND PEOPLE FESTIVAL A PIACENZA

La cultura del cibo, il piacere del cibo, è molto più di una moda, nata dopo il successo di programmi televisivi, è un modo di essere:  è la caratteristica che fa di un territorio la sua identità, la sua vetrina verso il turista, la sua carta d’identità universalmente riconosciuta, perché il cibo parla tutte le lingue del mondo.
Il Gola Gola Food and Peopole Festival in programma Piacenza dal 7 al 8 giugno  è un Festival dove il cibo rappresenta uno stile di vita, un elemento identitario della cultura italiana. E quale città più rappresentativa di Piacenza come palcoscenico?
Una storia di eccellenze culinarie e enogastronomia, raccontate in un susseguirsi di incontri ed eventi, durante i tre giorni di manifestazione.
Al Gola Gola Food and People Festival il turista arriva attratto dal gusto, dalla possibilità di assaggiare prodotti, di imparare cose riguardo ai cibi, ma viene poi trattenuto da un’offerta di momenti, in cui la cultura, la storia, la musica combinate con il cibo gli consentono di divertirsi e gli assicurano l’esperienza del bel vivere.
Una città protagonista del racconto, che narra a sua volta i monumenti del centro  storico,   le sue destinazioni conosciute come meta del buon vivere, i suoi borghi da Castell’Arquato a Bobbio, e naturalmente le sue eccellenze, il suo gusto della tavola.
Un viaggio attorno al saper vivere piacentino, che fin dai tempi antichi esalta la sua gente e il suo territorio con il suo cibo, con piatti tipici e prodotti di eccezionale qualità, con i suoi rinomati salumi, le tre D.O.P.: coppa, pancetta e salame, e i suoi numerosi vini, tutti da conoscere e scoprire.
Gola Gola invade il centro storico di Piacenza, inserendo i suoi eventi negli scenari delle piazze della città, a partire da Piazza Cavalli che ospiterà il Mercato delle Specialità: un mercato, aperto dalle 10 alle 22, con la partecipazione di espositori, piccole aziende artigianali o agricole con prodotti di qualità,  e lì vicino, in Piazzetta Pescheria degustazioni di prodotti a cura dei Consorzi, delle associazioni di categoria, di aziende che mostreranno ed esalteranno la loro eccellenza enogastronomica.
E sul palco, centro nevralgico per incontri e conversazioni con ospiti più o meno famosi, il turista imparerà – tra gli altri argomenti -  anche a preparare la pasta più famosa della città: i  “Pisarei” con un laboratorio open air ospitato sulla piazza.
E poi Piazza Duomo, dove, anche i piccoli partecipanti saranno coinvolti in una serie di attività con l’obiettivo di insegnare e far conoscere loro le molte facce e le molte storie dell’enogastronomia e di promuovere comportamenti virtuosi, a tavola, nel rispetto della natura e dell’ambiente, perchè si sa...chi ben comincia...
Ma non è tutto : un ristorante a cielo aperto, nella Piazza del Gusto, ubicata  in Piazzale Plebiscito, sarà in grado di deliziare tutti i palati con un’offerta di elevata qualità, capace di rappresentare al meglio il “cibo di strada”.
Piacenza diventa così, per tre giorni, il cuore pulsante di un Festival, che a partire da Piazza Cavalli, contaminerà tutto il centro storico, trasformandolo in un luogo vivo e attrattivo pronto ad accogliere i visitatori con un sorriso.
www.golagolafestival.it

 

 

 

Claudio Zeni

Claudio Zeni, laureato in Letterature e Lingue straniere è nel mondo del giornalismo dall’età di 18 anni. Appassionato di sport, enogastronomia e turismo collabora con media locali, nazionali ed internazionali di settore. Tra i principali riconoscimenti giornalistici assegnatigli si ricorda il premio nazionale Gennaro Paone consegnatogli a Roma dal direttore generale dell’Enit, il I.o premio giornalistico nazionale ‘Strada del Vino del Recioto e di Gambellara’, il I.o premio ‘Primavera del prosecco’, 'Amici della Chianina', 'Premio Tarlati', 'Scandiano', 'Sant'Angelo in Vado, 'Apicio', 'La bisaccia del tartufaio', 'Burson'. Per quattro anni ha seguito l’Hong Kong Food Festival e per due ha coordinato la manifestazione nazionale Top of Golf finalizzata alla proclamazione del miglior ristorante della ‘Wine Tour Cup’ dell'Associazione 'Città del Vino'. Coordinatore della giuria e dei cuochi del concorso culinario ‘Tartufo d’oro’ di Gubbio’. Unitamente al Presidente dei Cuochi di Arezzo organizza il concorso 'Penne bruciate', giornalisti ai fornelli dove a vincere è il 'piatto peggiore'. Autore con Leone Cungi del libro ‘Sport e società a Monte San Savino (Un secolo di storia sportiva e tradizioni sul borgo toscano).

Acconsento al Trattamento dei miei dati Personali nel rispetto del reg. 2016/679/UE e dichiaro di avere letto l'informativa sulla Privacy
Accetto di ricevere informazioni in merito a promozioni, news ed eventi relativi a questo sito in conformità al nuovo reg. 2016/679/UE sulla Privacy.