A GAMBELLARA LA VENDEMMIA DI DAVIDE VIGNATO INIZIA CON DOPPIO BRINDISI

Il Gambellara Classico “El Gian” ottiene la Golden Star nella Guida “Vinibuoni d’Italia”, mentre per il mensile nazionale “ORA Cucina” è la cantina del mese: il forte legame tra vino e territorio alla base del doppio riconoscimento.

 

E’ iniziata con un doppio brindisi la vendemmia dell’azienda agricola Davide Vignato a Gambellara. Nei giorni in cui ha cominciato a raccogliere i primi grappoli maturi tra i filari di Garganega e Durella, la cantina vicentina ha ricevuto due importanti riconoscimenti per i suoi vini vulcanici, i primi a essere certificati biologici all’interno della Doc Gambellara già diversi anni fa.

 

Il primo è la Golden Star assegnata dalla giuria della guida “Vinibuoni d’Italia” del Touring Club Italiano al Gambellara Classico Doc “El Gian” 2017. Tra gli oltre 26.000 campioni provenienti da tutte le regioni italiane e assaggiati alla cieca (con etichetta coperta) dalle commissioni di valutazione, il vino di Davide Vignato è stato premiato con il riconoscimento attribuito alle bottiglie che meglio rappresentano il legame tra vitigno e territorio di appartenenza esprimendo nel calice eleganza, equilibrio e massima piacevolezza di beva.

 

Fare vini in grado di rispecchiare fedelmente il territorio, che siano unici e non riproducibili in altri luoghi è da sempre la mia missione principale” spiega Davide Vignato. “Questo premio è la conferma che il lavoro portato avanti in questi anni con la ricerca della massima qualità e la valorizzazione dell’identità vulcanica del nostro territorio è utile innanzitutto a far conoscere a un numero sempre più ampio di persone la zona enologica di Gambellara, facendone apprezzare le caratteristiche distintive e i vini eleganti e fortemente minerali”.

 

Un secondo riconoscimento è arrivato dalla rivistaORA Cucina”, che ogni mese seleziona una cantina italiana per raccontare un angolo affascinante del Bel Paese attraverso i suoi vini più rappresentativi abbinati ai sapori tipici. Nel numero di settembre in edicola da domenica scorsa un ampio servizio racconta il territorio di Gambellara attraverso la storia e i vini della cantina Davide Vignato. “In un’epoca in cui si può riprodurre quasi tutto in pochi secondi, l’identità di un luogo rimane tra i pochi elementi di verità e bellezza al riparo da violazioni di copyright” si legge nell’articolo. A riprova di questo teorema è portata proprio Gambellara, “piccolo comune vicentino dove i suoli di origine vulcanica regalano al calice sfumature ed emozioni non replicabili altrove”.

 

NELLA FOTO, DAVIDE VIGNATO

0 Commenti

Lascia un commento

Acconsento al Trattamento dei miei dati Personali nel rispetto del reg. 2016/679/UE e dichiaro di avere letto l'informativa sulla Privacy

Roberto Vitali

Laureato in Lettere alla “Cattolica” di Milano, ho cominciato durante l’università a scrivere per il quotidiano della mia città, “L’Eco di Bergamo”, al quale – pur essendo oggi in età di pensione – continuo a collaborare sia sul cartaceo che sul sito web. Sono stato addetto stampa di enti pubblici, direttore di Teleorobica, direttore-editore del mensile “Bergamo a Tavola” (1986-1990) poi trasformato in “Lombardia a Tavola” (1990-2002) e poi venduto (oggi vive ancora trasformato in "Italia a Tavola"). Mi sono sempre occupato, oltre che della cronaca bianca della mia città, di enogastronomia e viaggi. Ho collaborato alla Rai-Gr1, vinto premi giornalistici in tutta Italia e scritto qualche libretto, tra cui “La cucina bergamasca – Dizionario enciclopedico” e una Guida dei ristoranti di Bergamo città e provincia. Mi piace l’Italia e tutto quello che di buono e bello sa offrire. Spero, con i miei scritti, di continuare a farla amare da tanti altri lettori. 338.7125981

Acconsento al Trattamento dei miei dati Personali nel rispetto del reg. 2016/679/UE e dichiaro di avere letto l'informativa sulla Privacy
Accetto di ricevere informazioni in merito a promozioni, news ed eventi relativi a questo sito in conformità al nuovo reg. 2016/679/UE sulla Privacy.