FESTIVAL CULINARIO IN OMAGGIO A SANT'UBERTO A VILLA IL CASATO

A Villa il Casato di Bettolle (Si) si apre sabato 25 gennaio il sipario su un carnet di cene gourmet all'insegna della cultura e della riscoperta delle tradizioni culinarie nel segno dell'innovazione.

Il primo appuntamento è un omaggio a Sant'Uberto, patrono dei cacciatori, che  grazie alla caccia cambiò radicalmente la sua vita, persa fra dissolutezze e vacuità.

Secondo la tradizione tutto accadde un Venerdì Santo quando Uberto, nel mezzo di una battuta di caccia trovandosi isolato nel bosco, gli apparve un maestoso cervo.  Uberto si inginocchiò davanti a quella sublime visione e subito avvertì dentro di sé un cambiamento, una chiamata di fede. Capì ciò che quella visione gli stava trasmettendo: egli doveva abbandonare la dissolutezza che lo possedeva per passare una vita all’insegna del pentimento e della fede.

La cena gourmet del Primo Festival Sant'Uberto elaborata da Loris Mozzini,  patron de Il Casato, si aprirà con un ‘Amarcord': Lingua e chutney di albicocca, Teneroni in carpaccio e finger lime, Cubo di soprassata e confettura di cipolle, Trippa al cardamomo, Pappa al pomodoro.

A seguire il 'Servizio credenza' con Magret di anatroccolo alla liquirizia; Torrone di colombaccio in gelatina di merangola. Poi i 'Manicaretti': Tortello di carbonara con pancetta croccante e trucioli di pecorini; Tagliatelle all'uovo della Val d’Orcia con polvere di farro su cinghialetto alla mirra, mentre il 'Chiostro del tranciante' porterà in tavola lo Scrigno di maile grigio al fine greco farcito con allodole, capriolo, cinghiale, fegatelli e pernici rosse; lo Stinco di Chianina cotto in piedi lardellato all'aglio nero e inzimino  iridato al Sangiovese. Dessert 'La Gourmandis e Carrube': Soffiato di cacao Gran ru' rustico su zuppa di occhio di pernice.

Il tutto accompagnato da etichette della Strada del Vino Terre di Arezzo selezionate dal sommelier Massimo Rossi.

Info: Tel. 0577 623128

 

Claudio Zeni

Claudio Zeni, laureato in Letterature e Lingue straniere è nel mondo del giornalismo dall’età di 18 anni. Appassionato di sport, enogastronomia e turismo collabora con media locali, nazionali ed internazionali di settore. Tra i principali riconoscimenti giornalistici assegnatigli si ricorda il premio nazionale Gennaro Paone consegnatogli a Roma dal direttore generale dell’Enit, il I.o premio giornalistico nazionale ‘Strada del Vino del Recioto e di Gambellara’, il I.o premio ‘Primavera del prosecco’, 'Amici della Chianina', 'Premio Tarlati', 'Scandiano', 'Sant'Angelo in Vado, 'Apicio', 'La bisaccia del tartufaio', 'Burson'. Per quattro anni ha seguito l’Hong Kong Food Festival e per due ha coordinato la manifestazione nazionale Top of Golf finalizzata alla proclamazione del miglior ristorante della ‘Wine Tour Cup’ dell'Associazione 'Città del Vino'. Coordinatore della giuria e dei cuochi del concorso culinario ‘Tartufo d’oro’ di Gubbio’. Unitamente al Presidente dei Cuochi di Arezzo organizza il concorso 'Penne bruciate', giornalisti ai fornelli dove a vincere è il 'piatto peggiore'. Autore con Leone Cungi del libro ‘Sport e società a Monte San Savino (Un secolo di storia sportiva e tradizioni sul borgo toscano).

Acconsento al Trattamento dei miei dati Personali nel rispetto del reg. 2016/679/UE e dichiaro di avere letto l'informativa sulla Privacy
Accetto di ricevere informazioni in merito a promozioni, news ed eventi relativi a questo sito in conformità al nuovo reg. 2016/679/UE sulla Privacy.