ESPRESSO ITALIANO CHAMPION IL VENETO ALESSANDRO ZUCCOLO IN SEMIFINALE

Il veneto Alessandro Zuccolo, 19 anni di Este, è tra i concorrenti italiani ad approdare alle fasi finali di Espresso Italiano Champion, l’evento internazionale promosso dall’Istituto Espresso Italiano (IEI) che vedrà i migliori baristi di diversi paesi sfidarsi a suon di espresso italiano e cappuccino. Sarà lui infatti tra gli italiani che parteciperanno alle semifinali italiane in programma l’11 giugno in Mumac Academy a Binasco (MI).

Il giovane studente della scuola alberghiera Cipriani di Adria (RO), Alessandro Zuccolo, vincitore della gara di selezione organizzata da Dersut Caffè (azienda socia dell’Istituto) racconta la sua esperienza nel mondo dell’espresso con la grande passione che lo lega a questa professione.

«Quando vi è la qualità basta seguire le semplici regole di preparazione dell’espresso italiano per offrire un espresso perfetto – afferma il giovanissimo studente – con queste semplici consapevolezze, l’espresso si presenta da sé, basta accompagnarlo col sorriso. Chi svolge servizio in sala come me ha un ruolo importantissimo per qualsiasi azienda, siamo dei veri e propri venditori certamente questo è un lavoro duro e stancante, ma ricco di soddisfazioni e io sogno di diventare un maitre di rilievo».

Espresso Italiano Champion. In tutta Italia sono numerosi i professionisti alla prova nelle gare di selezione per accedere alle finali nazionali di Espresso Italiano Champion 2020, il campionato internazionale baristi promosso dall’Istituto Espresso Italiano (IEI) giunto quest’anno alla sua settima edizione internazionale. Una gara giocata a colpi di espresso e cappuccini perfetti, da preparare correndo contro il tempo (solo 11 minuti a disposizione del candidato), sotto gli occhi dei giudici tecnici e sottoposti al giudizio, impietoso perché cieco, dei giudici sensoriali che operano in modo "blind" secondo gli standard dell’Istituto Internazionale Assaggiatori Caffè (Iiac). Ogni anno si sfidano circa 400 baristi da tutto il mondo. All’edizione 2019, vinta dall’italiano Stefano Cevenini, hanno aderito Italia, Germania, Regno Unito, Bulgaria, Russia, Cina, Corea, Taiwan, Giappone e Tailandia. Nelle edizioni passate l’Italia ha espresso due campioni internazionali, Grecia, Taiwan e Corea uno a testa.

Claudio Zeni

Claudio Zeni, laureato in Letterature e Lingue straniere è nel mondo del giornalismo dall’età di 18 anni. Appassionato di sport, enogastronomia e turismo collabora con media locali, nazionali ed internazionali di settore. Tra i principali riconoscimenti giornalistici assegnatigli si ricorda il premio nazionale Gennaro Paone consegnatogli a Roma dal direttore generale dell’Enit, il I.o premio giornalistico nazionale ‘Strada del Vino del Recioto e di Gambellara’, il I.o premio ‘Primavera del prosecco’, 'Amici della Chianina', 'Premio Tarlati', 'Scandiano', 'Sant'Angelo in Vado, 'Apicio', 'La bisaccia del tartufaio', 'Burson'. Per quattro anni ha seguito l’Hong Kong Food Festival e per due ha coordinato la manifestazione nazionale Top of Golf finalizzata alla proclamazione del miglior ristorante della ‘Wine Tour Cup’ dell'Associazione 'Città del Vino'. Coordinatore della giuria e dei cuochi del concorso culinario ‘Tartufo d’oro’ di Gubbio’. Unitamente al Presidente dei Cuochi di Arezzo organizza il concorso 'Penne bruciate', giornalisti ai fornelli dove a vincere è il 'piatto peggiore'. Autore con Leone Cungi del libro ‘Sport e società a Monte San Savino (Un secolo di storia sportiva e tradizioni sul borgo toscano).

Acconsento al Trattamento dei miei dati Personali nel rispetto del reg. 2016/679/UE e dichiaro di avere letto l'informativa sulla Privacy
Accetto di ricevere informazioni in merito a promozioni, news ed eventi relativi a questo sito in conformità al nuovo reg. 2016/679/UE sulla Privacy.