DOUBLETREE BY HILTON TURIN LINGOTTO OSPITA LONELY PLANET STORIES E FESTEGGIA I 100 ANNI DEL BRAND

Hilton, viaggio e accoglienza sono un sinonimo ovunque nel mondo da ben 100 anni. Fin dalla sua nascita, nel 1919, Hilton ha innovato il concetto di ospitalità rendendo il viaggio e il soggiorno alberghiero un piacere fatto di comfort e di cura del cliente.
Per raccontare questo epico traguardo, il DoubleTree by Hilton Turin Lingotto ha scelto di ospitare Lonely Planet Stories parte del Salone Off, incontri letterari sul tema viaggio in compagnia di importanti autori italiani che condivideranno le proprie esperienze di viaggio con il pubblico. L’iniziativa prende spunto dalla novità̀ di Lonely Planet “Viaggi che cambiano la vita” edito da EDT, una raccolta di storie straordinarie, commoventi e indimenticabili, arricchita da fotografie emozionanti e consigli pratici.
Lonely Planet Stories, dal 9 al 12 maggio - dalle 18.30h, ospiteranno gli autori: Concita De Gregorio, Luca Bianchini, Gianrico Carofiglio e Giulia Anania che racconteranno i loro momenti memorabili e come il viaggio sia importante per stimolare l’immaginazione perché́ “viaggiare ti lascia prima senza parole e poi ti trasforma in un narratore di storie”.
Gli eventi si inseriscono nel panorama del programma del Salone del Libro Off che punta a diffondere la cultura in città. Gli incontri saranno accompagnati da un aperitivo e dj set nello scenario post industriale dell’hotel che si apre alla città per diventare luogo di contaminazione tra architettura, musica e letteratura di viaggio.
Per rimanere in tema letterario, nel libro di Conrad Nicholson Hilton, Be My Guest, si racconta come l’Hilton ha segnato e trasformato in maniera avanguardistica la storia dell’hotellerie mondiale. Tra i primati dell’Hilton: l’inserimento delle televisioni all’interno delle camere degli ospiti; l’invenzione dello star rating e del servizio in camera; tra le curiosità food & wine: il Waldorf Astoria di New York fu il primo a proporre il cocktail Martini e l’Egg Benedict.

 

Claudio Zeni

Claudio Zeni, laureato in Letterature e Lingue straniere è nel mondo del giornalismo dall’età di 18 anni. Appassionato di sport, enogastronomia e turismo collabora con media locali, nazionali ed internazionali di settore. Tra i principali riconoscimenti giornalistici assegnatigli si ricorda il premio nazionale Gennaro Paone consegnatogli a Roma dal direttore generale dell’Enit, il I.o premio giornalistico nazionale ‘Strada del Vino del Recioto e di Gambellara’, il I.o premio ‘Primavera del prosecco’, 'Amici della Chianina', 'Premio Tarlati', 'Scandiano', 'Sant'Angelo in Vado, 'Apicio', 'La bisaccia del tartufaio', 'Burson'. Per quattro anni ha seguito l’Hong Kong Food Festival e per due ha coordinato la manifestazione nazionale Top of Golf finalizzata alla proclamazione del miglior ristorante della ‘Wine Tour Cup’ dell'Associazione 'Città del Vino'. Coordinatore della giuria e dei cuochi del concorso culinario ‘Tartufo d’oro’ di Gubbio’. Unitamente al Presidente dei Cuochi di Arezzo organizza il concorso 'Penne bruciate', giornalisti ai fornelli dove a vincere è il 'piatto peggiore'. Autore con Leone Cungi del libro ‘Sport e società a Monte San Savino (Un secolo di storia sportiva e tradizioni sul borgo toscano).

Acconsento al Trattamento dei miei dati Personali nel rispetto del reg. 2016/679/UE e dichiaro di avere letto l'informativa sulla Privacy
Accetto di ricevere informazioni in merito a promozioni, news ed eventi relativi a questo sito in conformità al nuovo reg. 2016/679/UE sulla Privacy.