BENESSERE E GUSTO ALLE PISCINE THEIA DI CHIANCIANO TERME


Per una bella pausa dal lavoro, abbandonando stress e preoccupazioni meritano una sosta le piscine termali “Theia il Bagno degli Etruschi” di Chianciano Terme, dove relax e benessere si uniscono ad una gustosa proposta culinaria a km vero nell’annesso ristorante.
Le piscine termali situate a fianco dello stabilimento Sillene, sulla splendida collina che sovrasta Piazza Italia, tra la Val d'Orcia e la Val di Chiana, evocano le radici storiche del luogo intitolato dagli Etruschi a Sillene. Il nome, infatti, deriva dalla titanessa della luce, Theia, "colei che splende fin lontano”, madre di Selene nella mitologia etrusca.
E da lontano sono tornate a risplendere queste sette piscine termali, quattro esterne e tre interne, tutte collegate tra loro per oltre 500 metri  quadri di vasche, alimentate dall’acqua della sorgente termale Sillene, ricca di anidride carbonica, carbonato di calcio, bicarbonato e solfati, che ne determina la tipica opacità, esercitando un’azione antinfiammatoria sul sistema muscolo scheletrico ed eutrofica sulla pelle.
La temperatura dell’acqua delle piscine è compresa fra i 33 e i 36 gradi, quindi anche quelle esterne sono utilizzabili in inverno tranne il martedì che è giorno di chiusura, mentre tutte le vasche sono dotate di giochi d’acqua, idromassaggi con lettini, “colli di cigno” per i getti d’acqua cervicali, sedute, botti e un “pozzo”, suggestivo gioco d’acqua termale.
In questo complesso termale anche i bambini sotto i tre anni possono entrare, non pagano il biglietto e non possono fare il bagno, mentre dai tre anni in poi vi è anche un’apposita area a loro riservata nel nuovo Centro Benessere con sauna, bagno turco, area relax e rasul, oltre che una coloratissima piscina coperta, ‘Grotta secca’ e ‘Grotta umida’ con temperature adatte per fare loro provare le terme in compagnia della mascotte Theimilla e Ippoltrone.
Il benessere dell’acqua termale si unisce al piacere del palato nell’annesso ristorante del complesso ‘Theia’, dove il cordiale e dinamico Gesualdo Muntari  insieme alla compagna Oana Dragan (nella foto), vi consiglieranno sulla scelta delle proposte culinarie, tutte a base di materie prime selezionate  secondo la stagionalità e a km vero, preparati da chi sa prendersi cura del vostro benessere anche a  tavola.
Dai tradizionali pici all’aglione agli gnocchi pesto e basilico, dall’Hamburgher di Chianina ad una selezionata bresaola di un celebre macellaio del comprensorio fino ad una vasta di gamma di centrifughe (provate se in stagione quella al melograno) o di macedonie di frutta fresca elaborate e presentate con fantasia artistica dallo stesso Gesualdo. Per i bambini nessun problema vi è per loro un apposito menu.
Le piscine termali “Theia il Bagno degli Etruschi” meritano un viaggio o meglio una sosta, che sicuramente non vi deluderà. Anzi una volta usciti dal complesso termale non vedrete l’ora di tornarci. Il complesso termale è aperto dal lunedì alla domenica con l'eccezione di martedì.

Piscine Termali Theia Piazza Marconi (Terme Sillene, lato Via della Foresta)
53042 Chianciano Terme (SI)   www.piscinetermalitheia.it www.termechianciano.it

 

Claudio Zeni

Claudio Zeni, laureato in Letterature e Lingue straniere è nel mondo del giornalismo dall’età di 18 anni. Appassionato di sport, enogastronomia e turismo collabora con media locali, nazionali ed internazionali di settore. Tra i principali riconoscimenti giornalistici assegnatigli si ricorda il premio nazionale Gennaro Paone consegnatogli a Roma dal direttore generale dell’Enit, il I.o premio giornalistico nazionale ‘Strada del Vino del Recioto e di Gambellara’, il I.o premio ‘Primavera del prosecco’, 'Amici della Chianina', 'Premio Tarlati', 'Scandiano', 'Sant'Angelo in Vado, 'Apicio', 'La bisaccia del tartufaio', 'Burson'. Per quattro anni ha seguito l’Hong Kong Food Festival e per due ha coordinato la manifestazione nazionale Top of Golf finalizzata alla proclamazione del miglior ristorante della ‘Wine Tour Cup’ dell'Associazione 'Città del Vino'. Coordinatore della giuria e dei cuochi del concorso culinario ‘Tartufo d’oro’ di Gubbio’. Unitamente al Presidente dei Cuochi di Arezzo organizza il concorso 'Penne bruciate', giornalisti ai fornelli dove a vincere è il 'piatto peggiore'. Autore con Leone Cungi del libro ‘Sport e società a Monte San Savino (Un secolo di storia sportiva e tradizioni sul borgo toscano).

Acconsento al Trattamento dei miei dati Personali nel rispetto del reg. 2016/679/UE e dichiaro di avere letto l'informativa sulla Privacy
Accetto di ricevere informazioni in merito a promozioni, news ed eventi relativi a questo sito in conformità al nuovo reg. 2016/679/UE sulla Privacy.