AUTUNNO SUL SACRO MONTE DI VARESE

Per raggiungere la cima del Sacro Monte di Varese che apre la vista ai laghi e al massiccio del Campo dei Fiori, si può percorrere la Via Sacra, un itinerario lungo circa 2 km immerso nella natura e nel paesaggio creato nel 1600 e scandito da 14 cappelle e da una strada fatta di acciottolato.

Arrivare su, godendosi la camminata nelle fresche temperature autunnali, significa anche scoprire la bellezza Liberty di Al Borducan Romantic Hotel & Restaurant, che dall’alto del Sacro Monte invita le coppie ad una vacanza rigenerante tra le meraviglie artistiche e culturali del territorio di Varese.

Le tappe della Via Sacra, segnate dalle 14 cappelle, raccontano i misteri del Rosario, per arrivare fino al Santuario di Santa Maria del Monte, con la Cripta romanica a tre navate con antichi affreschi, restaurata nel 2015, e il piccolo Borgo, in cui percorrere le antiche vie coperte e visitare il Museo Baroffio e la Casa Museo Pogliaghi.
Il Museo Baroffio custodisce una straordinaria collezione storico-artistica e i dipinti di Giuseppe Baroffio Dall’Aglio, con una sezione d’arte del Novecento. L’articolazione interna si muove su tre piani e luminose sale dell’edificio novecentesco si alternano a piccole suggestive stanze, che corrono nascoste sotto al Santuario del Sacro Monte di Varese, con resti di affreschi quattrocenteschi. La Casa Museo Lodovico Pogliaghi è dedicata alle opere di questo personaggio di spicco, che fu pittore, scultore, scenografo e architetto e si occupò del restauro delle cappelle del Sacro Monte. Il museo è racchiuso nella villa in cui lavorò fino alla morte e che concepì come un laboratorio. Qui, oltre a poter ammirare le sue opere si possono osservare i reperti archeologici egizi, etruschi e di età greco-romana, le pitture e sculture databili tra il Rinascimento e l’epoca barocca, e una ricca collezione di tessuti antichi europei e asiatici, arredi storici, curiosità e oggetti bizzarri provenienti da tutto il mondo.

A fianco della prima cappella del Sacro Monte di Varese c’è il centro espositivo Monsignor Macchi, luogo di accoglienza per visitatori, che ospita un percorso espositivo su due livelli, con opere di artisti contemporanei. La vista panoramica sulla città di Varese è impareggiabile anche da Villa Panza, una villa del '700 che sul colle di Biumo Superiore ospita una ricca collezione di arte americana del '900. Qui si possono scoprire la collezione di Giuseppe Panza, la poetica di Robert Wilson, esplorare il rapporto tra luce e architettura, e godere di 33.000 mq di parco con opere di Land Art. Fino al 6 gennaio 2020, Villa Panza ospita inoltre la mostra "Long Light" dedicata a Sean Scully. I suoi lavori dalle superfici vibranti scatenano una sorta di seduzione ipnotica capace di trasportare il visitatore in un profondo viaggio intellettuale ed emotivo.

Con la proposta di Al Borducan Romantic Hotel & Restaurant “Autunno alla scoperta del Sacro Monte di Varese”, 2 notti in una delle camere romantiche, una cena a lume di candela per 2 persone, una cena tipica all’Osteria Irma del Campo dei Fiori, un’ora di massaggio Thai in camera a persona, 2 biglietti omaggio per Villa Panza incluso l'ingresso alla mostra, la colazione al sacco per un trekking nei boschi del Campo dei Fiori (percorso semplice della durata di circa 5 ore andata e ritorno), sono a partire da 225 euro a persona. In omaggio un mazzo di rose in camera e una bottiglia di Borducan.
 
Al Borducan Romantic Hotel & Restaurant Via Beata Caterina Moriggi 43, Varese
E-mail: info@hotelalborducan.com
 
 

 

Claudio Zeni

Claudio Zeni, laureato in Letterature e Lingue straniere è nel mondo del giornalismo dall’età di 18 anni. Appassionato di sport, enogastronomia e turismo collabora con media locali, nazionali ed internazionali di settore. Tra i principali riconoscimenti giornalistici assegnatigli si ricorda il premio nazionale Gennaro Paone consegnatogli a Roma dal direttore generale dell’Enit, il I.o premio giornalistico nazionale ‘Strada del Vino del Recioto e di Gambellara’, il I.o premio ‘Primavera del prosecco’, 'Amici della Chianina', 'Premio Tarlati', 'Scandiano', 'Sant'Angelo in Vado, 'Apicio', 'La bisaccia del tartufaio', 'Burson'. Per quattro anni ha seguito l’Hong Kong Food Festival e per due ha coordinato la manifestazione nazionale Top of Golf finalizzata alla proclamazione del miglior ristorante della ‘Wine Tour Cup’ dell'Associazione 'Città del Vino'. Coordinatore della giuria e dei cuochi del concorso culinario ‘Tartufo d’oro’ di Gubbio’. Unitamente al Presidente dei Cuochi di Arezzo organizza il concorso 'Penne bruciate', giornalisti ai fornelli dove a vincere è il 'piatto peggiore'. Autore con Leone Cungi del libro ‘Sport e società a Monte San Savino (Un secolo di storia sportiva e tradizioni sul borgo toscano).

Acconsento al Trattamento dei miei dati Personali nel rispetto del reg. 2016/679/UE e dichiaro di avere letto l'informativa sulla Privacy
Accetto di ricevere informazioni in merito a promozioni, news ed eventi relativi a questo sito in conformità al nuovo reg. 2016/679/UE sulla Privacy.