ALPE CIMBRA SI INAUGURA IL NUOVO PUMPTRACK

Un Pumptrack è un'opera d'arte che affiora dal terreno, un connubio tra ingegno e manualità, un misto tra professionalità e improvvisazione.
Le giuste dosi di questi ingredienti formano la ricetta ideale per creare la Pump perfetta! Un susseguirsi di dossi e paraboliche costruiti con mucchi di legante ricoperti da uno strato d'asfalto che rende il tutto liscio come un foglio di carta, adatto quindi a qualsiasi tipo di mezzo a due o a quattro ruote! Bike, monopattini, skateboard, pattini...vale tutto! L’importante è divertirsi e girare in compagnia!

Una struttura che mette d'accordo tutte le età, che unisce genitori e figli, grandi e piccoli, ognuno con il proprio livello e le proprie ambizioni, il tutto nel totale silenzio, rotto solo dal rumore delle ruote che girano vorticosamente e il ronzio dei mozzi posteriori che sembrano imitare il volo delle zanzare.
All'interno del Pumptrack, il segreto per avanzare, è proprio quello di "pompare" con braccia e gambe, senza pedalare o spingere con i piedi, andando a sfruttare la parte in discesa per riuscire a oltrepassare quella in salita, concatenando questi movimenti con la maggior coordinazione possibile!
Più sei coordinato, più vai veloce…più vai veloce e più ti diverti!

Il Pump di Lavarone ha un disegno simmetrico e specchiato, il primo in Italia con questa particolare struttura. Si sviluppa per una lunghezza totale di quasi 200 metri ed è costruito su di un'area di circa 1000 metri quadrati. Queste misure consentono a questa struttura di poter ospitare gare di tutti i livelli…dai campionati Nazionali a quelli Internazionali, i quali negli ultimi anni, si stanno espandendo a macchia d'olio.
Costruito alla partenza degli impianti di risalita di Bertoldi, nell'area sciabile dove si sviluppa anche il bikepark Lavarone dedicato alle discipline Gravity, il Pumptrack dispone di tutti i servizi che servono ad un bikers, dai servizi igienici pubblici alle docce, dal lavaggio per le biciclette all'officina, dal bar dove potersi dissetare e rifocillare dopo ogni sessione di allenamento al noleggio per qualsiasi tipo di attrezzatura.

Il tutto viene professionalmente gestito dai ragazzi del bikepark, i quali, se serve, sono disponibili per eventuali lezioni per qualsiasi tipo di livello.
Un progetto realizzato grazie all' impegno del Comune di Lavarone e della Comunità di Valle degli Altipiani Cimbri, con la collaborazione dell'APT Alpe Cimbra, della Società Impianti Turismo Lavarone e dello staff del Bikepark Lavarone.

Claudio Zeni

Claudio Zeni, laureato in Letterature e Lingue straniere è nel mondo del giornalismo dall’età di 18 anni. Appassionato di sport, enogastronomia e turismo collabora con media locali, nazionali ed internazionali di settore. Tra i principali riconoscimenti giornalistici assegnatigli si ricorda il premio nazionale Gennaro Paone consegnatogli a Roma dal direttore generale dell’Enit, il I.o premio giornalistico nazionale ‘Strada del Vino del Recioto e di Gambellara’, il I.o premio ‘Primavera del prosecco’, 'Amici della Chianina', 'Premio Tarlati', 'Scandiano', 'Sant'Angelo in Vado, 'Apicio', 'La bisaccia del tartufaio', 'Burson'. Per quattro anni ha seguito l’Hong Kong Food Festival e per due ha coordinato la manifestazione nazionale Top of Golf finalizzata alla proclamazione del miglior ristorante della ‘Wine Tour Cup’ dell'Associazione 'Città del Vino'. Coordinatore della giuria e dei cuochi del concorso culinario ‘Tartufo d’oro’ di Gubbio’. Unitamente al Presidente dei Cuochi di Arezzo organizza il concorso 'Penne bruciate', giornalisti ai fornelli dove a vincere è il 'piatto peggiore'. Autore con Leone Cungi del libro ‘Sport e società a Monte San Savino (Un secolo di storia sportiva e tradizioni sul borgo toscano).

Acconsento al Trattamento dei miei dati Personali nel rispetto del reg. 2016/679/UE e dichiaro di avere letto l'informativa sulla Privacy
Accetto di ricevere informazioni in merito a promozioni, news ed eventi relativi a questo sito in conformità al nuovo reg. 2016/679/UE sulla Privacy.