Al volante di due auto elettriche da Padova a Belgrado, Tesla incontra Tesla

Qualcuno l'ha ribattezzata "Tesla incontra… Tesla". E' la spedizione vicentino-padovana che al volante di due auto elettriche Tesla (una model S e una model X) da Padova ha permesso di raggiungere Belgrado, lungo le strade di quattro paesi (Italia, Slovenia, Croazia e Serbia) per dimostrare che l’auto a trazione totalmente elettrica oggi si può utilizzare anche su lunghi itinerari internazionali. La spedizione “Sulle tracce di Tesla”, svoltasi nei giorni scorsi su iniziativa di Infomotori.com e del consulente Unesco Giorgio Andrian (e articolata in quattro tappe), è partita dal Museo “Enrico Bernardi” di Padova - dove il professor Guido Ardizzon ha ricordato che l'ingegnere padovano fu l'inventore di uno dei primi veicoli a motore (a scoppio) in Italia - e si è conclusa il 18 giugno scorso davanti al Museo Tesla di Belgrado, dove i sette membri della carovana (Ivana Gabriella Cenci, Carlo Valente, Giorgio Andrian, Alessio Sanavio, Renato Malaman, Roberto Boribello e Nicola Rossi) sono stati accolti dalle autorità locali e dalle tv serbe.
Uno degli scopi della singolare iniziativa era anche quello di valorizzare la straordinaria figura di Nikola Tesla, ingegnere serbo nato in Croazia (1856) e affermatosi poi in America a cavallo del secolo scorso, considerato uno dei padri dell’elettricità moderna dall'alto dei suoi oltre 200 brevetti registrati in 26 paesi.
La carovana di Tesla al ritorno si è fermata a Smiljian, vicino a Gospic (in Croazia), dove Tesla è nato e dove è stato creato un interessante parco scientifico. Zero problemi a trovare le colonnine per le ricariche e a gestire l’autonomia delle auto (circa 400 km a ricarica). Un viaggio a emissioni zero che ha fatto sosta anche al Museo della motocicletta di Peter Grom a Vransko in Slovenia e al castello di Mokrice in Slovenia. L'iniziativa è stata un utile momento di confronto sul motore elettrico, la cui evoluzione è costante. Oggi sulle strade italiane circolano diecimila vetture elettriche, di cui duemila immatricolate lo scorso anno. Le previsioni per il 2018 sono di un raddoppio di tale cifra.
Infomotori.com, portale dell'auto la cui redazione si trova a Vicenza, annuncia nuove iniziative per far conoscere di più e meglio le potenzialità dell'auto, considerata il primo passo verso una mobilità sempre più ecosostenibile.

0 Commenti

Lascia un commento

Acconsento al Trattamento dei miei dati Personali nel rispetto del reg. 2016/679/UE e dichiaro di avere letto l'informativa sulla Privacy

Renato Malaman

Cura il blog "Salsa & Merende" nel quotidiano "Il Mattino di Padova" di cui è stato redattore fino al 31 dicembre 2016. Del quotidiano, con cui ha iniziato a collaborare nel 1978, è stato titolare dal 2001 della rubrica di enogastronomia "Gusto", ora confluita nel blog personale (su www.mattinopadova.it) dedicato all'attualità del Food and Wine veneto e non solo.
Coautore di numerose pubblicazioni nel settore enogastronomico e collaboratore di varie riviste, dal 2004 è ispettore della guida "Ristoranti d'Italia" de L'Espresso. Ha curato la guida "Padova nel piatto" e attualmente dirige la collana "Italia nel piatto" dell'editore Il Poligrafo.
Tra i riconoscimenti ottenuti spicca l'assegnazione di due premi "Penna d'Oca" (edizioni 2005 e 2011), premio biennale promosso da Unioncamere del Veneto. Per quanto riguarda il turismo ha visitato finora 111 paesi del mondo. Fa parte del Gist, associazione della stampa turistica di cui ha ricoperto la carica di delegato regionale e consigliere nazionale. Ha al suo attivo anche una spedizione umanitaria via terra in Guinea Bissau.

Acconsento al Trattamento dei miei dati Personali nel rispetto del reg. 2016/679/UE e dichiaro di avere letto l'informativa sulla Privacy
Accetto di ricevere informazioni in merito a promozioni, news ed eventi relativi a questo sito in conformità al nuovo reg. 2016/679/UE sulla Privacy.