DOLOMITI WELLNESS HOTEL FANES BENESSERE DI LUSSO A 5 STELLE

Tradizione e lusso sono le parole chiave che hanno guidato la famiglia Crazzolara nella realizzazione di quello che oggi è il maestoso Dolomiti Wellness Hotel Fanes. L’apparente contrasto rivela la vera anima dell’hotel adagiato sulla terrazza più soleggiata di San Cassiano (Bz), con panorama unico sulle Dolomiti dell’Alta Badia.
Tutti gli ambienti, eleganti e curati nei minimi dettagli, offrono ogni comfort per l’ospite in un arredamento moderno e lineare, che richiama la tradizione grazie all’utilizzo di materiali naturali - legno, marmo e pietra - e alla collezione di arredi e oggetti antichi della tradizione ladina.
Il lusso inteso come benessere a 360° si può vivere sia nei 3.000 mq di area wellness con diversi tipi di saune, piscine e infinity pool di 25 metri, massaggi e trattamenti, sia assaporando la cucina genuina e ricercata del ristorante gourmet del Fanes. E non solo; anche grazie ai servizi speciali come l’ eliporto privato riservato agli ospiti e la convenzione con il Golf Club Alta Badia. Il tutto nella cornice incantevole delle Dolomiti Patrimonio Naturale Unesco, meta di escursioni, sport e gite tutto l’anno.
 
Dolomiti Wellness Hotel Fanes, tra gli alberghi storici dell’Alto Adige, è da quest’anno un 5 stelle. Il riconoscimento corona a tutti gli effetti una storia di successo, che ha portato un antico maso risalente al 1560 ad essere luogo esclusivo di benessere.
«Siamo molto fieri di essere ora un 5 stelle ma non dimentichiamo le nostre origini: la nostra famiglia possiede da secoli questa struttura e l'ha trasformata da fattoria a resort di lusso – dice Reinhold Crazzolara, proprietario dell’hotel – quello che vogliamo fare all'Hotel Fanes è proprio esprimere la nostra tradizione in un luogo dove poter trovare il benessere perfetto, fisico e mentale».

www.hotelfanes.it/it
 

Claudio Zeni

Claudio Zeni, laureato in Letterature e Lingue straniere è nel mondo del giornalismo dall’età di 18 anni. Appassionato di sport, enogastronomia e turismo collabora con media locali, nazionali ed internazionali di settore. Tra i principali riconoscimenti giornalistici assegnatigli si ricorda il premio nazionale Gennaro Paone consegnatogli a Roma dal direttore generale dell’Enit, il I.o premio giornalistico nazionale ‘Strada del Vino del Recioto e di Gambellara’, il I.o premio ‘Primavera del prosecco’, 'Amici della Chianina', 'Premio Tarlati', 'Scandiano', 'Sant'Angelo in Vado, 'Apicio', 'La bisaccia del tartufaio', 'Burson'. Per quattro anni ha seguito l’Hong Kong Food Festival e per due ha coordinato la manifestazione nazionale Top of Golf finalizzata alla proclamazione del miglior ristorante della ‘Wine Tour Cup’ dell'Associazione 'Città del Vino'. Coordinatore della giuria e dei cuochi del concorso culinario ‘Tartufo d’oro’ di Gubbio’. Unitamente al Presidente dei Cuochi di Arezzo organizza il concorso 'Penne bruciate', giornalisti ai fornelli dove a vincere è il 'piatto peggiore'. Autore con Leone Cungi del libro ‘Sport e società a Monte San Savino (Un secolo di storia sportiva e tradizioni sul borgo toscano).

Acconsento al Trattamento dei miei dati Personali nel rispetto del reg. 2016/679/UE e dichiaro di avere letto l'informativa sulla Privacy
Accetto di ricevere informazioni in merito a promozioni, news ed eventi relativi a questo sito in conformità al nuovo reg. 2016/679/UE sulla Privacy.