Goloso e Curioso
 ESCURSIONI D’AUTUNNO A MERANO E DINTORNI

ESCURSIONI D’AUTUNNO A MERANO E DINTORNI

Perdersi nel fascino dell’autunno, a Merano e nei suoi dintorni, è un’esperienza unica, resa ancora più suggestiva da quel particolare caleidoscopio di colori caldi e intensi che solo in questa stagione la natura sa regalare. Una vacanza da queste parti è l’ideale per concedersi ancora un po’ di movimento all’aria aperta, tra passeggiate ed escursioni, visto che le temperature sono ancora miti e la bellezza dello scenario naturale, grazie allo spettacolo del foliage autunnale, davvero imperdibile. Castagne, uva, zucca sono le protagoniste di feste e sagre che arricchiscono l’Autunno Meranese, un buon modo per alternare l’attività fisica con i piaceri della tradizione gastronomica locale e della buona tavola. Dalla città di Merano si possono programmare tantissime piacevoli passeggiate. A cominciare dai celebri Sentieri d’Acqua Meranesi, un percorso di 80 km, da percorrere per intero o a tappe: uniscono tra loro undici sentieri delle rogge del territorio meranese sui quali scoprire masi e castelli, chiese e meraviglie della natura. Uno dei più antichi è il Sentiero della roggia Parcines (Partschinser Waalweg), costruito nel XV secolo dai conti von Stachelburg, tuttora utilizzato per irrigare i frutteti della zona e circondato da meravigliosi boschetti di betulle e da una ricca vegetazione: passeggiare ascoltando il gorgoglio dell’acqua di fonte è un’esperienza indimenticabile. Splendido anche il Sentiero della roggia di Marlengo (Marlinger Waalweg), che con i suoi 12 km risulta il più lungo dell’Alto Adige, circondato da boschi, vigneti e frutteti, con una spettacolare vista sulla conca di Merano, la Val Passiria e l’imponente Gruppo di Tessa. Offre uno splendido percorso panoramico sulla conca di Merano, tra uliveti e cipressi, anche la Passeggiata Falkner, che conduce direttamente a Castel Tirolo: è intitolata a Hans Norman Falkner, che finanziò la creazione del percorso agli inizi degli anni Settanta.

Ideale per le famiglie e soprattutto per i bambini il Sentiero didattico sul castagno, che parte nei pressi della chiesa di Foiana: lungo il percorso si incontrano, infatti, diverse stazioni tematiche, in parte interattive, che raccontano tutto sul castagno, dal legno ai frutti. La città di Merano è il punto di partenza perfetto per bellissime escursioni nei suoi dintorni. Una delle più piacevoli, ideale per famiglie con bambini, è l’escursione alla Malga Wurzer, che parte dal paese di Avelengo: si può percorrere anche con il passeggino e regala magnifici scorci sulle montagne circostanti. Questa malga fa parte del circuito “Pura qualità in montagna”, marchio di qualità per i rifugi e le malghe di Merano e dintorni. L’escursione alla malga Gompm (1808 m) conduce nel paradiso escursionistico di Punta Cervinia nelle Alpi di Sarentino: è raggiungibile da Saltusio con la Funivia Hirzer o da Verdines con la funivia Verdines-Talle. Si tratta di una malga gourmet, punto di arrivo perfetto per un pranzo con i buoni sapori del territorio, e anch’essa fa parte del circuito “Pura qualità in montagna”. È perfetta per le famiglie anche l’escursione in Val di Fosse, nel cuore del Parco Naturale Gruppo di Tessa, il cui punto di partenza è Casera di Fuori (1693 m). Lungo il sentiero si dipana il percorso naturalistico “Vivere le malghe”, con curiosi pannelli esplicativi, e si possono raggiungere la malga Casera di Mezzo (1954 m) e la malga Rableid (2004 m), che fa parte del circuito “Pura qualità in montagna”. La splendida colorazione dei larici in questa stagione rende ancora più affascinante l’escursione al laghetto di Tret, in Alta Val di Non, che si sviluppa attraverso una foresta di conifere, prati di montagna e lariceti: il laghetto balneabile, che si trova a 1604 m, si è preservato come biotopo naturale, ed è rinomato per l’eccellente qualità delle sue acque. Merano è famosa per essere anche una bellissima città-giardino: i Giardini di Castel Trauttmansdorff, per esempio, adagiati sui pendii sottostanti l’omonimo castello, sono caratterizzati da oltre 80 ambienti botanici rappresentativi di tutto il pianeta e nel 2013 in Canada si sono persino guadagnati il titolo di “Giardino internazionale dell’anno”. Ogni sabato, dal 7 ottobre al 4 novembre, è in programma una visita guidata dedicata a piante e frutti autunnali, mentre un menù degustazione dedicato svela il lato gastronomico della botanica. Dopo le passeggiate nella natura e le escursioni, niente di meglio di un po’ di relax alle Terme di Merano, tappa irrinunciabile per chiunque visiti la città. Situate proprio nel cuore della località altoatesina, includono un fitness center, un parco e varie strutture dedicate al benessere. In autunno è meraviglioso sfruttare i bagni caldi con l’idromassaggio o le svariate saune, ma anche concedersi massaggi e trattamenti che sfruttano prevalentemente gli ingredienti locali, come la mela, l’uva, il pino mugo, il fieno di montagna, le erbe aromatiche, la lana.

www.merano-suedtirol.it


Claudio Zeni

Tutti gli articoli >

ZeniClaudio
escursioni d’autunno a merano e dintorni

ZeniClaudio

ZeniClaudio

Claudio Zeni, laureato in Letterature e Lingue straniere è nel mondo del giornalismo dall’età di 18 anni. Appassionato di sport, enogastronomia e turismo collabora con media locali, nazionali ed internazionali di settore. Tra i principali riconoscimenti giornalistici assegnatigli si ricorda il premio nazionale Gennaro Paone consegnatogli a Roma dal direttore generale dell’Enit, il I.o premio giornalistico nazionale ‘Strada del Vino del Recioto e di Gambellara’,  il I.o premio ‘Primavera del prosecco’, 'Amici della Chianina', 'Premio Tarlati', 'Scandiano', 'Sant'Angelo in Vado, 'Apicio', 'La bisaccia del tartufaio', 'Burson'. Per quattro anni ha seguito l’Hong Kong Food Festival e per due ha coordinato la manifestazione nazionale Top of Golf finalizzata alla proclamazione del miglior ristorante della ‘Wine Tour Cup’ dell'Associazione 'Città del Vino'. Coordinatore della giuria e dei cuochi del concorso culinario ‘Tartufo d’oro’ di Gubbio’. Unitamente al Presidente dei Cuochi di Arezzo organizza il concorso  'Penne bruciate', giornalisti ai fornelli dove a vincere è il 'piatto peggiore'. Autore con Leone Cungi del libro ‘Sport e società a Monte San Savino (Un secolo di storia sportiva e tradizioni sul borgo toscano). 

Inserisci il tuo commento

Titolo
Commento rilasciato da
Email
Commento
Valutazione

Autorizzo al trattamento dei dati personali secondo il Disposto di Legge 196/2003 per essere contattato e ricevere le informazioni da me richieste con la compilazione di questo modulo. Tutela della privacy
Nome e Cognome
Email
Telefono
Paese
Messaggio

Autorizzo al trattamento dei dati personali secondo il Disposto di Legge 196/2003 per essere contattato e ricevere le informazioni da me richieste con la compilazione di questo modulo. Tutela della privacy

CAPTCHA Image
[ Cambia codice ]

Per poter inviare il messaggio inserisci qui il codice di sicurezza
Editore

Editore del Goloso & Curioso è la ditta Colombo 3000, un gruppo aziendale che si occupa da oltre 10 anni della...Leggi tutto»

Iscriviti alla Newsletter