Goloso e Curioso
11 Ottobre, a Morimondo è tempo di Festa Contadina

11 Ottobre, a Morimondo è tempo di Festa Contadina

Il piccolo Comune sede dell’omonima Abbazia romanica, città slow e borgo tra i più belli d’Italia, festeggia domenica il mondo contadino. Una giornata di festa a stretto contatto con la natura. Ospiti della manifestazione le tipicità a filiera corta del Mercatino Enogastronomico della Certosa di Pavia

 

Ottobre 2015. Domenica 11 Ottobre a Morimondo si fa festa per celebrare la natura ed il mondo agricolo. Borgo a misura d’uomo, domenica si trasformerà in una sorta di museo contadino a cielo aperto: trattori d’epoca e macchine agricole, utensili della vita di tutti i giorni di chi ha fatto della terra e delle sue ricchezze la sua vita. Nel pomeriggio, in collaborazione con il Museo Agricolo di Albairate e l’Azienda Agricola Brusati di Noviglio, a partire dalle 14:45 sarà possibile assistere alla trebbiatura del mais così come veniva fatta ai vecchi tempi, per far conoscere a tutti, e soprattutto a chi  vive lontano dalla campagna e dai suoi ritmi dettati dalla natura, come avviene uno dei eventi agricoli più antichi.

 

Da mezzogiorno in poi in piazza Municipio polenta per tutti da abbinare a gorgonzola e ad altri due piatti tipici lombard: la cassoeula e i bruscitt, piatti della tradizione preparati dai volontari della locale Pro Loco. Speciali menu della tradizione contadina anche nei ristoranti della zona.

 

Tra gli ospiti, inoltre, non mancherà il mercatino hobbistico ed il  Mercatino della Certosa di Pavia, vetrina delle eccellenze food&wine del triangolo d'oro del gusto rappresentato da Lomellina, Oltrepò e Pavese. Tra le eccellenze in degustazione domenica, il Varzi DOP (prodotto con l’utilizzo del filetto che è la parte più pregiata del maiale) ed il salame d’oca di Mortara IGP, pregiata produzione lomellina. E poi distillati, birre artigianali, grappe, digestivi, liquori e creme per torte e gelati; specialità casearie di latte vaccino e per quanti tengono d’occhio il tasso di colesterolo, anche di pecora e capra del vicino Monferrato. Non mancheranno poi i prosciutti ed il paté di fegato d’oca della Lomellina, vini DOC dell' Oltrepo Pavese e del Monferrato, formaggi tipici, riso del Pavese, miele, funghi, le dolci offelle di Parona, succhi di frutta e salse, pane di farro e frutta secca, integrale, Senatore Cappelli, grano saraceno e riso in purezza. Per i golosi del dolce anche confetture e composte. Patate e per i più coraggiosi cipolle e aglio appena raccolti. Da Mornico Losana poi lo zafferano della fattoria La Robinia.  Dal produttore al consumatore per una realtà che si caratterizza per fiducia e famigliarità come il negozio sotto casa di una volta.

 

Nel pomeriggio, inoltre, la Piazza dell’Abbazia diventerà teatro di un concerto che vedrà protagonisti i canti delle mondine, in collaborazione con  la casa di riposo S. Pampuri di Morimondo.

Domenica 11 Ottobre 2015

Dalle 09:30 alle 18

Morimondo (Mi), Corte dei Cistercensi e altri luoghi

Ingresso gratuito

Per informazioni 347 7264448; www.agenziareclam.it; www.prolocomorimondo.eu

Tutti gli articoli >

Simonetta
11 ottobre, a morimondo è tempo di festa contadina

Simonetta

Simonetta

Giornalista free lance, la comunicazione è il mio pane. Insieme ad essa la passione e la curiosità per il cibo ed il vino che non nascono per caso, soprattutto se si nasce in una famiglia dove la condivisione e la cucina sono  gesto d’amore e accoglienza. Forse non è necessario cercare una ragione o un motivo, ma se dovessi dare una risposta al perché di questa passione direi che sta nel non essere mai uguali, nel rappresentare un territorio, la sua storia, le sue risorse. Da qui la curiosità e la ricerca di ciò che è buono e tipico in ogni parte del mondo, in ogni luogo dove le genti del luogo e quelle arrivate lì per restare - o ancora di passaggio per raggiungere nuove vite – hanno lavorato le ricchezze della terra per trasformarle in una cucina con una sua propria identità. Quanto al vino, la sua capacità di raccontare tante storie:  i profumi ed i sentori che porta con sé ad ogni sorso e ad ogni bottiglia, il territorio che esprime, le  persone che lo producono .  Federico Fellini diceva che il vino “è nuovo ad ogni sorso e, come avviene con i film, nasce e rinasce in ogni assaggiatore”:  il che è profondamente  vero e questa verità riesce a stupirmi ogni volta che entro in contatto con questo mondo.

simonetta.tocchetti@libero.it

Inserisci il tuo commento

Titolo
Commento rilasciato da
Email
Commento
Valutazione

Autorizzo al trattamento dei dati personali secondo il Disposto di Legge 196/2003 per essere contattato e ricevere le informazioni da me richieste con la compilazione di questo modulo. Tutela della privacy
Nome e Cognome
Email
Telefono
Paese
Messaggio

Autorizzo al trattamento dei dati personali secondo il Disposto di Legge 196/2003 per essere contattato e ricevere le informazioni da me richieste con la compilazione di questo modulo. Tutela della privacy

CAPTCHA Image
[ Cambia codice ]

Per poter inviare il messaggio inserisci qui il codice di sicurezza
Editore

Editore del Goloso & Curioso è la ditta Colombo 3000, un gruppo aziendale che si occupa da oltre 10 anni della...Leggi tutto»

Iscriviti alla Newsletter